Sussidio DIS COLL, requisiti e importi

di Barbara Weisz

scritto il

Sono cambiati i requisiti per il sussidio di disoccupazione DIS COLL 2016, sostanzialmente immutate le altre regole: circolare INPS su aventi diritto, trattamento e domande.

Sussidio di disoccupazione
Sono cambiati i requisiti per il sussidio di disoccupazione 
DIS COLL, che il Jobs Act ha introdotto nel 2015 per i collaboratori senza Partita IVA e che la Legge di Stabilità ha prorogato per tutto il 2016: le istruzioni INPS per presentare la domanda sono contenute nella circolare 74/2016

Non è più richiesto di avere almeno un mese di contribuzione (o di lavoro) nell’anno solare, mentre bisogna essere in stato di disoccupazione al momento di presentazione della domanda e avere almeno tre mesi di contribuzione nel periodo che va dalla cessazione del rapporto di lavoro al primo gennaio dell’anno precedente. Si calcolano anche i contributi figurativi di eventuali periodi di maternità.

=> Indennità di disoccupazione 2016 per i collaboratori

La platea dei destinatari non è cambiata: collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, che abbiano perduto involontariamente l’occupazione (restano esclusi: amministratori, sindaci, revisori, assegnisti di ricerca, dottorandi, titolari di borsa di studio).

E’ necessario essere iscritti alla Gestione Separata INPS in via esclusiva nel periodo di collaborazione che fa maturare il diritto al sussidio: se per esempio un lavoratore è iscritto alla gestione separata per il periodo gennaio 2015-aprile 2016, e per il periodo da gennaio 2015 ad aprile 2015 ha anche un rapporto di lavoro subordinato, il diritto  matura solo per il periodo da maggio 2015 ad aprile 2016. Come ultimo requisito, è necessario non essere pensionati e non essere titolari di Partita IVA: anche se non producesse reddito, infatti, l’eventuale Partita IVA dovrebbe comunque essere chiusa prima di chiedere la prestazione.

=> NASPI, ASDI e DIS COLL, a chi spetta l’assegno

Importo

La misura dell’indennità è pari al 75% del reddito mensile se questo è inferiore a 1195 euro, mentre se il reddito è superiore si aggiunge il 25% della somma che eccede il limite di 1195 euro. L’indennità non può comunque superare i 1300 euro. La DIS COLL si riduce del 3% a partire dal quarto mese.

=> Sussidi al reddito: importi 2016

La durata non può superare i sei mesi, e corrisponde a un numero di mensilità pari alla metà dei mesi di contribuzione accreditati. Attenzione: mesi di contribuzione non significa mesi lavorati, bisogna effettuare il calcolo in base al reddito del collaboratore. Esempio: un rapporto di collaborazione durato dieci mesi, con un compenso complessivo di 8mila euro, corrisponde a una copertura contributiva di sei mesi (8.000 : 1.295,66 = 6,17 mesi). In questa ipotesi, quindi, la prestazione spettante avrà una durata di cinque mesi.

I periodi di sussidio DIS COLL eventualmente utilizzati per cessazioni del rapporto di lavoro avvenute nel 2015, vanno sottratti al trattamento 2016. Questo, solo con riferimento ai mesi 2015 che hanno fatto maturare il precedente sussidio.

La domanda si presenta all’INPS, interamente in via telematica, entro 68 giorni dalla fine del periodo di collaborazione. L’indennità spetta dall’ottavo giorno successivo alla presentazione della domanda oppure, se presentata successivamente, dal giorno successivo alla presentazione stessa. Per gli eventi di disoccupazione avvenuti da gennaio 2016 alla data della circolare INPS, i 68 giorni decorrono appunto dal 5 maggio, quindi le istanze vanno presentate entro il 12 luglio.