Assunzione giovani, nuovo incentivo IO Lavoro 2020

di Barbara Weisz

scritto il

Assunzione agevolata di giovani fino a 24 anni o disoccupati da sei mesi, sgravio contributivo per 12 mesi: regole di compatibilità con altri incentivi.

Un nuovo incentivo per le assunzioni di giovani, limitata a determinate Regioni, compatibile fra l’altro con analoghe agevolazioni che consentono una sgravio contributivo per tre anni. E’ previsto dall’Anpal, l’Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro, con decreto dello scorso 11 febbraio, che secondo i consulenti del Lavoro andrà integrato con un successivo provvedimento per chiarire una serie di regole relative alla cumulabilità con altri incentivi.

L’agevolazione IO Lavoro è uno sgravio contributivo, per 12 mesi, fino a un tetto di 8mila 60 euro, sulle assunzioni a tempo indeterminato, anche in somministrazione, o in apprendistato professionalizzante, di giovani disoccupati fra i 16 e 24 anni che non abbiano avuto un rapporto di lavoro negli ultimi sei mesi con lo stesso datore di lavoro (a meno che non si tratti di trasformazione di contratto a termine).

E’ in realtà applicabile anche a lavoratori con più di 25 anni, che però devono possedere un ulteriore requisito, ovvero essere privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi.

L’assunzione può essere anche part-time, l’incentivo si applica anche alle assunzioni di soci lavoratori di cooperativa, mentre non è riconosciuto in caso di lavoro domestico, occasionale o intermittente. Va utilizzato entro il 28 febbraio 2022.

Sul fronte della cumulabilità con altri incentivi, ci sono una serie di rilievi dei consulenti del lavoro. Il decreto Anpal stabilisce la cumulabilità con l’incentivo previsto per coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza (articolo 8 Dl 4/2019), e con altri incentivi di natura economica introdotti e attuati dalle Regioni del Mezzogiorno in favore dei datori di lavoro che abbiano sede nel territorio di tali Regioni.

=> Assunzioni agevolate: Guida al Bonus Sud

I Consulenti del Lavoro (approfondimento del 12 febbraio) ritengono che l’incentivo sia cumulabile con lo sgravio triennale previsto dalla manovra 2018 e prorogato dalla Legge di Bilancio 2020): per una serie di rilievi tecnici che riguardano il sovrapporsi di due diversi decreti Anpal, gli esperti ritengono che debba intervenire un nuovo provvedimento che chiarisca la cumulabilità con l’agevolazione strutturale sopra richiamata (comma 100 e seguenti legge 205/2017), che fra l’altro è stata confermata «al tavolo tecnico tra Inps e Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro il 22 gennaio scorso, dove è stato precisato che la decorrenza del cumulo fra i due strumenti per le assunzioni agevolate è partita dal 2019.

Pertanto, chi usufruirà dell’IO 2020, a partire dal tredicesimo mese, potrà “agganciare” lo sgravio strutturale per ulteriori 24 mesi, fermo restando che vi siano le condizioni previste (età under 35 e assenza di contratti a tempo indeterminato precedenti l’originaria assunzione)». In pratica, secondo i Consulenti del Lavoro, «gli under 35 assunti nel 2019 e 2020, che si trovassero nelle condizioni di poter usufruire dello sgravio strutturale, dovrebbero essere destinatari della misura massima prevista pari a 8mila 060,00, rispettivamente per i tre anni dall’assunzione».

I Video di PMI

Visite fiscali INPS per malattia dei dipendenti