Unico PF 2010: versione definitiva e novità 

di Roberto Grementieri

scritto il

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la versione definitiva del modello Unico PF 2010.
Queste le principali novità .

Sono state prorogate per il 2009 le detrazioni Irpef del:

  • 19% per l’autoaggiornamento e la formazione dei docenti e per i servizi di trasporto pubblico;
  • 36% per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio;
  • 20% per la sostituzione di frigoriferi e congelatori e l’acquisto di motori a elevata efficienza;
  • 55% per gli interventi finalizzati al risparmio energetico.

Per i proprietari di immobili situati in Abruzzo e concessi in locazione o in comodato a cittadini che a causa del terremoto hanno avuto la loro casa distrutta o dichiarata inagibile, è previsto l’abbattimento del 30% del reddito imponibile derivante da queste abitazioni.

Un’altra novità  di Unico PF è rappresentata dallo spazio destinato a coloro che hanno recuperato il differimento del 20% dell’acconto Irpef: chi ha effettuato il versamento nella misura piena del 99% e ha utilizzato in compensazione nel modello F24 la differenza versata in eccesso, deve indicare tale importo in un apposito campo del quadro RN (determinazione dell’Irpef).

Nel secondo fascicolo, le novità  più rilevanti riguardano:

  • quadro RW, in materia di norme sullo scudo fiscale;
  • quadro RM, dal quale scompare la sezione X relativa alla rivalutazione del valore dei terreni, mentre viene predisposto un nuovo campo per indicare la detrazione sul TFR;
  • quadro RT, nella prima sezione sono stati inseriti diversi righi per il calcolo dell’imposta anche in presenza di minusvalenze derivanti dall’anno precedente.

Nel terzo fascicolo i quadri maggiormente interessati da novità  sono:

  • quadro RE, con riferimento ai nuovi limiti di deducibilità  delle spese relative a prestazioni alberghiere e a somministrazione di alimenti e bevande e alla nuova agevolazione per i docenti e ricercatori scientifici;
  • quadri RF e RG , la detassazione prevista dalla Tremonti-ter, la riattribuzione delle ritenute subite, la rideterminazione delle percentuali in materia di utili da partecipazione, plusvalenze e dividendi;
  • quadro CM, interessato anch’esso dalla Tremonti-ter, dalla gestione del credito d’imposta per l’eccedenza di versamento in acconto utilizzato in compensazione e da alcune modifiche per gestire il riporto sia delle eccedenze dell’imposta sostitutiva sia delle perdite, derivanti dalla precedente dichiarazione;
  • quadro RQ, nel quale sono state introdotte le sezioni per la riliquidazione dell’imposta sostitutiva sulle rimanenze finali e per la tassa etica;
  • quadro RS, sono stati inseriti un prospetto per il riporto delle perdite pregresse in caso di fuoriuscita dal regime dei contribuenti minimi, una sezione riguardante la determinazione dell’incentivo Tremonti-ter e un prospetto per evidenziare le maggiori perdite scaturenti dalla presentazione dell’istanza rimborso da Irap.