Neurona – Xing: convergenza europea fra reti professionali

di Stefano Besana

scritto il

Forse lo avrete letto su PMI.it qualche giorno fa: Neurona, noto social network professionale italiano ha stretto una partnership con un XING, servizio nato allo stesso scopo e a sua volta “veicolo” di milioni di profili professionali in Rete.

A mio avviso si tratta di un’innovazione importante che merita qualche riflessione.

Abbiamo già  discusso in passato dell’importanza di avere una propria visibilità  in rete e di come questa visibilità  possa essere utile sia per la propria azienda sia per i singoli dipendenti.
Si tratta, come abbiamo visto, di una procedura semplice che non richiede particolari competenze tecniche e che è in grado di offrire risultati e tornaconti immediati.

La partnership tra Neurona e XING assume caratteri importanti soprattutto per quello che riguarda le dinamiche europee.

Sappiamo bene che LinkedIn gioca un ruolo da padrone soprattutto per le realtà  (aziendali e non) d’Oltreoceano.
Ebbene, questa potrebbe considerarsi come una risposta nostrana al servizio offerto dal noto social network, una risposta del tutto europea allo strapotere dell’applicazione americana.

Se è vero – come dicevamo qualche tempo fa – che i servizi come questi non sono ancora così diffusi, è altrettanto importante considerare come il numero di iscritti giornalieri sia in costante crescita e aumenti in maniera assolutamente esponenziale.
Non essere documentati sulla questione potrebbe rivelarsi un fondamentale errore.

Crearsi un profilo presso la nuova community, come di consueto non costa assolutamente nulla e non richiede neppure un gran dispendio di risorse in termini di tempo. Resta solo da chiedersi perché non approfittarne appena possibile!
Nel caso foste poi già  iscritti a Neurona, non preoccupatevi: la migrazione avviene in maniera del tutto automatica senza nessuna operazione da parte dell’utente.

Provate magari a considerare però l’idea di risistemare o riadattare leggermente il vostro profilo alla nuova applicazione.
Le funzioni di XING – infatti – risultano leggermente differenti da quelle previste da Neurona ed esistono alcuni campi aggiuntivi che – ovviamente – devono essere compilati ex-novo.
La procedura, non preoccupatevi, non richiede nemmeno troppo tempo o particolare impegno.