Tratto dallo speciale:

Fotovoltaico, raddoppiato nel 2010 in Italia

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Rapporto iSuppli: in Italia, nel 2010, il mercato del Fotovoltaico è raddoppiato e anche il 2011 dovrebbe registrare una duplicazione dei volumi.

Il Fotovoltaico è un mercato in continua crescita. Le rilevazioni 2010 hanno rilevato un raddoppio del volume complessivo e le stime 2011 rivelano aspettative analoghe. Ad annunciarlo è l’osservatorio internazionale di iSuppli, che ha analizzato il mercato italiano ed ha indicato come 3,9GW il totale della potenza installata entro dicembre.

Il boom del Fotovoltaico è il fiore all’occhiello dell’Italia della Green Economy, grazie ad un incremento del 100% rispetto al penultimo trimestre 2010 con 975 MW di nuova potenza installata.

Sul valore complessivo ha certamente influito la corsa degli installatori per ottenere gli incentivi statali, in via di scadenza (II Conto Energia), ma iSuppli è convinta in una ulteriore espansione nel 2011. Gli investitori apprezzano infatti il territorio italiano per le condizioni agevolate degli incentivi e per il potenziale che può esprimere la posizione del paese rispetto ad altre nazioni europee.

L’entusiasmo di iSuppli supera addirittura quanto precedentemente dichiarato dal GSE – Gestore Servizi Energetici, secondo cui le domande di ammissione agli incentivi riguardano oltre 120.000 impianti in esercizio, per una potenza complessiva di circa 2.100 MW.

Tuttavia, iSuppli è consapevole del fatto che il mercato italiano presenta alcune criticità significative. La prima è sicuramente legata alla poco stabile situazione politica, che non fornisce alcune certezza circa le regole del Conto Energia per gli incentivi.

Inoltre anche la regolamentazione e le direttive regionali, che ancora devono recepire le Linee Guida Nazionali, potrebbero ostacolare una libera e rapida diffusione del mercato. Soprattutto al Sud potrebbe essere complesso realizzare impianti fotovoltaici con superfici ampie e connettere alla rete gli impianti stesse.

Articoli correlati:

Documenti correlati:

I Video di PMI

Italia fuori dall’Euro: le ragioni del sì e del no