Terremoto Emilia: da Confcommercio fondi per le imprese

di Teresa Barone

scritto il

Confcommercio stanzia 400 milioni di euro per sostenere le imprese emiliane negli interventi di ricostruzione successivi ai danni provocati dal sisma.

Un’altra iniziativa della Confcommercio a favore delle imprese danneggiate a causa dal sisma in Emilia Romagna. In seguito a un sopraluogo nelle zone più coinvolte dal terremoto, precisamente nelle Province di Bologna, Ferrara e Modena, il Presidente Nazionale Carlo Sangalli ha annunciato lo stanziamento di nuovi fondi fino a  400 mila euro finalizzati a sostenere la prima fase della ricostruzione.

400 milioni di euro per la ricostruzione

Oltre all’attivazione di un fondo di solidarietà dedicato all’emergenza, nato grazie all’intesa tra Confcommercio, Federalberghi Emilia Romagna e CGIL, CISL e UIL regionali, che prevede contributi volontari da parte dei lavoratori pari ad un’ora di lavoro sostenuto, Confcommercio ha infatti deciso la creazione di nuove risorse economiche.

«La nostra presenza qui è la volontà concreta di essere al vostro fianco in modo continuo e significativo in questa emergenza creata dal sisma. In questo momento per chi vuole ripartire non devono esistere vincoli di ragione burocratica. È nel DNA di questo territorio la voglia di fare e di rimboccarsi le maniche. Le aziende devono ripartire perché sono il motore di queste terre.»

Questo il commento del Presidente di Confcommercio Regionale Ugo Margini.

«Di fronte alla sofferenza e alle difficoltà dei nostri colleghi imprenditori, delle loro famiglie e di tutta la popolazione vogliamo confermare il nostro impegno a fianco delle nostre Associazioni, imprese e lavoratori che si trovano ad affrontare oggi l’emergenza del dopo terremoto e la sfida della ricostruzione. Per questo abbiamo attivato una raccolta fondi il cui ricavato sarà devoluto a favore delle nostre imprese colpite.»

I Video di PMI

Come consultare i bandi regionali