Tratto dallo speciale:

Mutui garantiti esenti da imposte

di Francesca Vinciarelli

scritto il

L'Agenzia delle Entrate chiarisce che è applicabile anche ai mutui beneficiari finali del prestito l'esenzione da bollo e registro per i mutui garantiti.

Con la risoluzione n. 61/E/2016 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito i dubbi in merito alla convenzione tra ABI e Cassa depositi e prestiti e all’esenzione da bollo e registro per i mutui garantiti, specificando che il regime fiscale di favore previsto dall’articolo 5, comma 24, del Dl 269/2003, relativo ai contratti di finanziamento stipulati tra la Cassa depositi e prestiti e le banche intermediarie, si estende anche al cliente finale.

=> Agevolazioni mutui prima casa: la situazione

Dunque niente registro, bollo e altre imposte indirette per i mutui ipotecari concessi dalle banche, per l’acquisto dell’abitazione principale e per i lavori di ristrutturazione, alle giovani coppie e alle famiglie numerose o con disabili.

Si tratta, ricorda l’Agenzia, dell’agevolazione volta a favorire l’accesso al credito da parte di categorie di soggetti meritevoli di tutela – giovani coppie, disabili, famiglie numerose – per l’acquisto dell’abitazione principale o per interventi di ristrutturazione che prevede una particolare procedura di erogazione di finanziamenti alle banche da parte della Cassa depositi e prestiti.

=> Decreto mutui: guida completa

Per i contratti di finanziamento stipulati tra la Cassa depositi e prestiti e le banche intermediarie è prevista l’esenzione dalle imposte di registro e di bollo e da ogni altra imposta indiretta, applicabile anche ai mutui conclusi con i beneficiari finali del prestito. Ovvero il regime di esenzione deve trovare applicazione in relazione al complessivo rapporto di finanziamento.

.