La rivincita di Intel

di Paolo Iasevoli

scritto il

Dopo aver ceduto quote di mercato alla rivale AMD, Intel si prepara al nuovo anno con rinnovato vigore, forte dei nuovi modelli quad-core

Il 2006 non è stato un anno da ricordare per Intel. Il produttore di chip numero 1 del mondo ha visto erodersi la propria quota di mercato del 12%.

Nell’effervescente mercato dei microprocessori si attendono però le prossime mosse dei top player. In palio ci sono 262,7 miliardi di dollari: questo è il valore complessivo stimato da Gartner che ha registrato una notevole crescita del 10,2% rispetto al 2005, quando la torta valeva ‘solo’ 238,3 miliardi.

Tra i fattori alla base di questa espansione, Gartner distingue tra il tradizionale settore dei Pc, che non naviga in buone acque, e l’esuberante mondo wireless che ha trainato le vendite su scala globale.

Nonostante i risultati negativi, Intel conserva ancora il primo posto nel mercato dei chip, seguita da Samsung, Texas Instrument, Toshiba e dall’italo-francese STMicroelectronic. A far tremare le gambe a Mamma Pentium è però la sua storica rivale AMD (14esima) la cui crescita record del +86% le ha fatto guadagnare terreno sia nel mercato server che in quello consumer. Il successo di AMD è da imputarsi alla vittoria di un’estenuante guerra di prezzi con Intel che, assicurano gli analisti, si intensificherà ulteriormente nel 2007.

Già alla fine dello scorso anno, infatti, Intel ha ricominciato a recuperare con il lancio dei processori Core 2 Duo e Xeon serie 5100. Il vero campo di battaglia saranno però i chip quad-core, che vedranno i due colossi sfidarsi senza esclusione di colpi. A trarre beneficio da simili testa a testa sono soprattutto le imprese, che avranno accesso a una vasta gamma di prodotti con prezzi sempre inferiori.