Futuro IT, ecco cosa dicono le donne manager

di Carlo Lavalle

scritto il

Come vedono il futuro dell'IT (Information Techonolgy) manager donne e professioniste che hanno scelto di fare carriera lavorando in questo settore?

Ce lo fa sapere il rapporto “Leading digital women predict 2012”, commissionato da TrendsSpotting Research Trends, che ha raccolto il parere di varie donne manager. Si va dal CTO (Chief technology officer) di Cisco, Padmasree Warrior, al presidente di OCAD University, Sara Diamond, da Claire Boonstra, co-fondatrice di Layar, applicazione gratuita per la visualizzazione di informazioni in augmented reality, a Meghan Peters, community manager di Mashable, le quali hanno espresso le loro opinioni sui prossimi sviluppi nel campo di cloud computing, mobile, apps, social media ed e-commerce.

Secondo Padmasreer Warrior “settore IT, applicazioni e parte mobile stanno convergendo e pertanto le aziende devono comprendere meglio come avviene questa trasformazione, scoprire quali sono i punti di forza e come mettere a frutto questo potenziale”.

In generale, le donne intervistate scommettono sullo sviluppo del mobile, specialmente sulla crescita dei tablet – sempre più funzionanti con comandi vocali e integrati alle cose indossate – che diverranno oggetti di largo consumo.

Il genere femminile negli Stati Uniti sembra più interessato degli uomini ai device mobili – sostiene Tali Weiss, direttore esecutivo di TrendsSpotting Research Trends citando le statistiche diffuse da Parks Associate.

Nel 2010 la percentuale di donne che hanno acquistato articoli di tecnologia è più alta rispetto a quella rilevata fra gli uomini. Inoltre, la presenza femminile ai livelli apicali di aziende IT è migliorata come dimostrano i casi di IBM, HP e Xerox.

Un altro fenomeno importante messo in evidenza nel rapporto è la crescita dei social media. In particolare, in questo ambito si prevede lo sviluppo del coinvolgimento, della personalizzazione e del geo-tagging, che solleva questioni di privacy e di controllo delle informazioni personali.

Per Tali Weiss in futuro è probabile che nasca un nuova generazione di piattaforme sociali con maggiori possibilità per le donne, grazie alla loro inclinazione verso i social network, di essere impiegate e fare carriera nel mondo digitale.