Banda larga: la roadmap dell’Osservatorio “Futuro della Rete”

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

L'Osservatorio "Futuro della Rete" propone un percorso virtuoso per diffondere la banda larga su tutto il territorio nazionale. Punti di forza: coordinamento delle infrastrutture e definizione delle regole di sviluppo

La diffusione della banda larga in Italia registra un ritardo per certi versi incolmabile: il 70% delle connessioni domestiche non ha connettività braodband e la metà della popolazione (47%) non è neppure collegata a Internet, ossia 2,3 milioni di utenti. Per raggiungere la media UE del 65%, è necessario intraprendere un percorso virtuoso fatto di standard e coordinamento di risorse e infrastrutture.

Lo afferma l’Osservatorio Futuro della Rete, che propone una roadmap per la diffusione della digitalizzazione in Italia.

L’obiettivo non è solo completare la copertura Internet ma anche migliorare le performance per gli attuali 23 milioni di utenti che sperimentano ogni giorno problemi e difficoltà di accesso.

L’Osservatorio, promosso dalla Presidenza della Commissione Trasporti della Camera, indica tra le prime azioni strategiche quella di creare una rete di infrastrutture a banda larga, mettendo a sistema competenze e conoscenze a beneficio della competitività del Paese.

In secondo luogo, censire le infrastrutture di rete principali, generando una mappatura dell’esistente utile a definire al meglio il piano d’azione delle nuove tecnologie.

Devono poi realizzarsi attività di coordinamento, incentrate sul ruolo della Pubblica Amministrazione. Stato e Rgioni dovranno individuare una task force capace di definire il piano di investimenti e i percorsi da seguire, ma soprattutto tutelare la concorrenza attraverso la stesura di regole precise anche a beneficio degli utenti.

Infine, la PA dovrà prevedere un processo di svecchiamento capace di trasferire rapidamente al mondo digitale tutti i servizi e i contenuti ora resi disponibili solo nel mondo fisico.

I Video di PMI