Mappe 3D, il ministero meglio di Google earth

di Lorenzo Gennari

scritto il

Sul sito internet del portale cartografico nazionale è possibile scaricare il visualizzatore che consente la navigazione di modelli tridimensionali, simulando il sorvolo del territorio italiano. Ottimi i dettagli grafici, ma richiede sistemi adeguati

Dal 23 giugno è online una sezione del portale cartografico nazionale dedicata alla navigazione tridimensionale della cartografia italiana. A partire dalla home page è possibile scaricare il visualizzatore “Ambiente Italia 3D” che consente l’accesso alle mappe interattive.

Finora il servizio non è stato pubblicizzato con troppa enfasi eppure si tratta di una valida alternativa alle mappe satellitari di Google o a quelle aeree di Microsoft. A fare la differenza, rispetto ai prodotti commerciali, è senza dubbio il notevole livello di dettaglio geografico, l’alta definizione delle immagini e l’interfaccia utente, composta da una serie di finestre e da un set di strumenti che permettono il controllo e la personalizzazione della navigazione sulla mappa 3D.

Il futuro della cartografia online è sicuramente nel 3D: non a caso i prinicipali sviluppatori di servizi analoghi a quello messo a disposizione dal ministero, sono da tempo impegnati nella realizzazione di applicazioni che consentono la visualizzazione orografica della terra.

Il sistema “Ambiente Italia 3D” ha un unico difetto: richiede una potenza di calcolo non trascurabile. Non è pertanto un’applicazione che lavora in maniera fluida sui computer portatili o, più in generale, su macchine equipaggiate con processori datati.

Il nucleo cartografico digitale di base sarà integrato da ulteriori ed essenziali strati informativi vettoriali in corso di elaborazione in scala 1:10.000 per l’intero territorio nazionale tra i quali: il reticolo idrografico e i relativi bacini, le reti di comunicazione ferroviaria e stradale, l’intorno dei centri urbani e i nuclei abitati, il modello digitale del terreno ad alta risoluzione, l’edificato urbano dei capoluoghi di provincia.

L’iniziativa ha l’obiettivo strategico di promuovere e diffondere l’utilizzo dei sistemi informativi territoriali, di rendere le informazioni di carattere ambientale e territoriale disponibili ad un pubblico vasto anche di non addetti ai lavori, tenendo in considerazione i progetti e le attività attualmente in corso a livello nazionale ed europeo.