Bonus nido 2017: come funziona

di Teresa Barone

scritto il

Online il decreto che stabilisce la concessione del Bonus nido 2017, contributo per il pagamento della retta di asili pubblici e privati.

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge che istituisce il Bonus nido, un contributo annuo concesso per il 2017 per coprire i costi degli asili nido pubblici e privati sostenuti dalle famiglie con bambini nati dal 1 gennaio 2016.

=> Bonus diciottenni: cos’è e come richiederlo

Secondo quanto previsto dalla normativa, il Bonus è finalizzato al:

«pagamento  di  rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati, nonché per l’introduzione di forme di supporto presso la propria  abitazione  in favore dei bambini al  di  sotto  dei  tre  anni,  affetti  da  gravi patologie croniche, è attribuito, a partire dall’anno 2017, un buono di 1000 euro su base annua e parametrato a undici mensilità.»

Per ottenere il contributo è necessario avere cittadinanza italiana oppure di uno Stato della UE, ma anche essere  cittadino di Stato extracomunitario con regolare permesso di soggiorno UE per lungo periodo.

Sarà l’Inps a erogare il contributo, previa presentazione della ricevuta di versamento della retta. Al momento si attendono istruzioni precise da parte dell’Istituto di previdenza, che entro trenta giorni dovrà rendere nota la regolamentazione e le modalità di accesso al Bonus.

Fonte immagine: Shutterstock