Lavoro: tessera professionale europea dal 2016

di Teresa Barone

scritto il

Le prime anticipazioni sulla tessera professionale europea disponibile dal 2016 per agevolare la mobilità in Europa.

Dal 2016 il riconoscimento delle qualifiche professionali a livello europeo sarà attuato attraverso una precisa procedura elettronica: la direttiva 2013/55/UE introduce la nuova tessera professionale europea (EPC), una sorta di “carta elettronica? per i professionisti che si spostano in Europa e hanno bisogno di certificare di aver ottenuto il riconoscimento della loro qualifica professionale nel Paese d?origine.

=> Scopri le Università migliori del mondo

«L?EPC – come si legge nell?opuscolo informativo – consentirà alle autorità del tuo paese di destinazione di verificare e riconoscere facilmente e rapidamente le qualifiche che hai ottenuto in un altro paese.»

Non si tratta di una tessera fisica, quindi, ma di un iter esclusivamente telematico che dovranno seguire i professionisti che vogliono stabilirsi in un altro paese della UE per esercitare la loro professione (stabilimento), oppure semplicemente per lavorare temporaneamente in uno degli Stati membri (si parla in questo caso di prestazione temporanea di servizi).

La tessera potrà essere utilizzata inizialmente solo da infermieri, farmacisti fisioterapisti, guide alpine e agenti immobiliari, tuttavia in seguito l?elenco delle categorie professionali si arricchirà ulteriormente.

L?iter da seguire prevede:

  • invio della richiesta online da part dei professionisti;
  • controllo e analisi dei documenti da parte delle autorità nazionali e del Paese ospitante;
  • stabilimento o mobilità temporanea nel Paese ospitante.


=> Scopri i bandi per il Servizio Civile Nazionale

L?opuscolo informativo è scaricabile dal sito del Dipartimento delle Politiche Europee.

I Video di PMI

Consultazione dei sussidi di disoccupazione INPS