Tratto dallo speciale:

Guida turistica, professione senza regole

di Redazione PMI.it

scritto il

Le guide turistiche chiedono una riforma legislativa a tutela della professione, con regole uniche per tutto il territorio.

Aprire un tavolo per mettere nero su bianco i principi cardine che regolino la professione di guida turistica, attualmente priva di normative specifiche.

Con questo obiettivo, centinaia di guide turistiche hanno manifestato a Roma davanti a Montecitorio, partecipando alla manifestazione indetta da Ugl, Agta e Uiltucs.

Si chiede di valorizzare i titoli di studio, rendendo la professione di guida turistica uno sbocco lavorativo concreto per i laureati.

Il Ministro Centinaio ha ribadito la volontà di trovare un’intesa andando incontro alle richieste delle guide e alle direttive delle Regioni, garantendo tuttavia maggiore chiarezza per le professioni del mondo del turismo.

=> Guida turistica: il regime fiscale

In generale, richieste di contrasto alla deregulation nel settore arrivano da più parti.

Per Confguide (Federazione Nazionale Guide Turistiche), ad esempio, chi porta in giro i gruppi turistici dovrebbe conseguire l’abilitazione di Guida Turistica e sottoscrivere un’assicurazione personale.

Per rendere uniforme l’esercizio della professione in Italia, in realtà, servirebbe un’unica abilitazione e un solo esame di Stato. In pratica, si chiede una riforma della normativa di settore.