Tratto dallo speciale:

Beni Culturali: i requisiti per gli elenchi professionali

di Redazione PMI.it

scritto il

Decreto MIBAC istituisce gli elenchi nazionali dei professionisti dei beni culturali, articolati in sette categorie: requisiti e competenze richieste.

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo per la redazione di elenchi nazionali di professionisti dei beni culturali.

Sono rispettivamente sette database, dedicati alle principali branche del settore: archeologi, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, antropologi fisici, esperti di diagnostica e di scienze e tecnologia applicate ai beni culturali, storici dell’arte.

Il decreto del MIBAC (G.U. del 29 maggio) rende noti i requisiti per l’iscrizione dei professionisti agli elenchi nazionali, regolamentandone le modalità di gestione in collaborazione con le associazioni professionali.

=> Professionisti: contributi prescritti in cinque anni

Per iscriversi occorre essere in possesso dei titoli di studio e dell’esperienza professionale richiesti per il profilo di interesse: secondo il decreto non conta solo la professione esercitata ma anche le competenze acquisite secondo dli standard EQF (Quadro Europeo delle Qualifiche). È possibile iscriversi anche a più di un elenco.

Come sottolinea l’articolo 9 del decreto, gli elenchi non costituiscono Albo professionale e l’assenza dei professionisti dagli stessi database non preclude in alcun modo la possibilità di esercitare la professione.

I Video di PMI

Come aprire una società tra professionisti