Tratto dallo speciale:

Identikit delle nuove professioni 4.0

di Redazione PMI.it

scritto il

Quali sono le nuove professioni non ordinistiche destinate ad attirare un numero crescente di lavoratori.

Le professioni non ordinistiche si sono caratterizzate per una notevole crescita tra il 2008 e 2016, tanto che i freelance e i professionisti indipendenti sono aumentati del 54,9%, contro il 19,7% dei liberi professionisti e l’11,1% di quelli iscritti agli ordini. Lo sottolinea Confcommercio durante il convegno “Professionisti 4.0: protagonisti del cambiamento” tenutosi a Roma. Nel 2016 i liberi professionisti attivi in Italia ammontava a circa 1.400.000, mentre il reddito medio pro-capite è di poco superiore ai 40mila euro.

=> Redditi in crescita per i Professionisti

Il panorama delle nuove professioni è molto variegato, comprendendo le figure regolamentate che non fanno capo a ordini specifici: guide turistiche, amministratori di condominio, erboristi, consulenti tributari, informatici, wedding planner, designer, grafici, formatori. Tra gli ambiti di attività rientrano i servizi di mercato (98,1%), mentre questi professionisti svolgono soprattutto attività scientifiche e tecniche per il 51,2% vantando un reddito medio pro-capite di oltre 18mila euro.

=> Professionisti ICT: retribuzioni e opportunità

A percepire compensi più alti è chi opera nelle attività di consulenza gestionale (quasi 25mila euro) e nei servizi informatici (oltre 21mila euro). Sempre nel lasso di tempo preso in esame, infine, è il numero dei professionisti dell’istruzione e della formazione ad aver subito una vera e propria impennata (147,4%), settori seguiti da sanità e assistenza sociale (98,1%), attività artistiche, sportive e di intrattenimento (64,2%), attività professionali, scientifiche e tecniche (44,8%).