Competenze in crisi e mismatch lavorativo: come reagire

di Redazione PMI.it

scritto il

Trend positivo per lo sviluppo globale ma non per l'allineamento delle skill alle richieste delle aziende.

Secondo la settima edizione dell’Hays Global Skills Index – report annuale pubblicato in collaborazione con Oxford Economics – è in atto un crescente divario tra competenze vantate dai professionisti e qualifiche richieste dalle aziende.

Il report evidenzia il forte squilibrio tra domanda e offerta di skills, perchè i datori di lavoro faticano a trovare figure adatte alle sfide poste dal progresso tecnologico (Intelligenza Artificiale,  Machine Learning…).

L’indagine “Investing in the Skills of Tomorrow; Avoiding a Spiralling Skills Crisis” rivela  come il mercato del lavoro sia caratterizzato da un incremento di posti vacanti, frutto di una mancanza di matching tra qualifiche e offerte.

Tuttavia, si registrano in aumento le chance di sviluppare le skill necessarie per ricoprire i ruoli richiesti dalle aziende: secondo gli esperti è infatti strategico avviare programmi di formazione sul posto di lavoro.

Questo stallo produce un circolo vizioso: senza skill adatte, la produttività subisce una battuta d’arresto per la mancanza di investimenti delle imprese in nuove tecnologie. Come ritiene Alistair Cox, CEO di Hays, dunque:

è determinante attivare iniziative per evitare che la crisi di competenze diventi irrecuperabile e metta alle strette le aziende, costrette a ricercare le risorse qualificate in ottica sempre più “last minute”.