Tratto dallo speciale:

Identikit dei professionisti non ordinisitici

di Redazione PMI.it

scritto il

Il report della CNA sui professionisti non ordinistici attivi in Italia: età media, reddito e posizione contributiva.

Sono oltre 334mila i professionisti non ordinistici attivi in Italia, una cifra in netto aumento rispetto al 2010 secondo quanto rilevato dalla CNA con l’Osservatorio nazionale professionisti 2018.

Il report – che ha coinvolto 39 professioni diverse appartenenti a tre macro-settori di servizi – rappresenta una fotografia recente di questo settore professionale che coinvolge prevalentemente soggetti con Partita IVA con un’età media pari a 47 anni, un reddito medio che non supera i 20 mila euro annui per circa la metà di loro tanto che, il 44% di questi professionisti, deve integrare i guadagni con altre attività. Precisamente, per la componente maschile il reddito medio è pari a 18.571 pro capite, importo che scende fino a 13.455 per le colleghe donne.

Per quanto riguarda il percorso di studi, quasi il 63% degli intervistati ha conseguito la laurea e otto professionisti su dieci hanno conseguito titoli specifici per l’esercizio della propria professione, spesso non obbligatori ma in grado di migliorare le competenze. Dal punto di vista contributivo, il 70% circa degli intervistati pensa che le attività professionali siano tassate eccessivamente e il 36,1% ritiene che siano ostacolate da troppe incombenze burocratiche.

La riduzione dell’aliquota contributiva (89,1%) – si legge nella presentazione del rapporto -, la deducibilità delle spese di formazione (83,9%) e di certificazione (83,8%), la riorganizzazione della Gestione separata Inps (82,5%) e la tutela della gravidanza e da malattie e infortuni(81,8%) sono gli obiettivi (da raggiungere) ritenuti più importanti dalla platea di professionisti non ordinistici.

ghrandvideo]