Crescita debole per l’economia

di Chiara Basciano

scritto il

L'analisi di Coface sui rischi dell'economia globale.

Il monitoraggio dell’economia dei paesi effettuato da Coface mostra una situazione instabile per le imprese. A pesare sui paesi avanzati sono la dipendenza dai prezzi delle materie prime, il rallentamento cinese e la volatilità dei mercati finanziari.

=> Vai alla top ten dei paesi emergenti

Nel dettaglio, per quanto riguarda l’Europa, la crescita prevista è dell’1,7% nel corso del 2016), come dimostrano anche  le statistiche delle insolvenze in Francia, Germania e Italia, caratterizzata da una diminuzione compresa tra 3,5 e 5% nei primi 9 mesi del 2015, rispetto allo stesso periodo nel 2014.

=> Scopri la situazione cinese

I paesi emergenti hanno rallentato la loro crescita, anche in conseguenza della situazione cinese, che vive una battuta d’arresto. Basti considerare che le imprese cinesi risultano tra le più indebitate: il debito rappresenta più del 160% del PIL, 60 punti in più rispetto al 2008. Seguono Turchia (+30 punti), Brasile (+17 punti), Russia (+14 punti), e Malesia (+11 punti). A fare le spese della situazione cinese sono anche paesi da essa direttamente dipendenti come Giappone, Taiwan e Hong Kong. In generale la crescita prevista appare debole, con una percentuale del 2,7%. Le tensioni politiche pesano non poco sull’economia globale e in particolare su Turchia e Brasile, quest’ultimo in evidente recessione.