Social network in crescita nelle Pmi ma è allarme malware

di Noemi Ricci

scritto il

Social media in aumento nelle Pmi, ma le scarse policy di sicurezza rendono i social network veicolo di minacce e malware: Rapporto Panda Security.

Per comunicare con clienti, parnter e colleghi, negli uffici e nelle aziende si usano sempre di più i social media e gli strumenti collaborativi: vanno per la maggiore anche tra le Pmi, ma con scarsa attenzione sul versante sicurezza: a confermare questo trend l’ultimo rapporto di Panda Security, il 1° Report Annuale sui Rischi dei Social Media per le Pmi.

Protagonisti negli ultimi tempi sono i social network: il 78% delle aziende li utilizza per incrementare i servizi offerti, promuovere iniziative di marketing, mantenere e rafforzare le relazioni con gli attuali clienti o entrare in contatto con nuovi e potenziali.

Molto impegnate a restare al passo con i tempi dal punto di vista dell’innovazione tecnologica, le imprese non si dimostrano però altrettanto attente nel determinare le strategie aziendali relative ai social media e le relative policy di sicurezza.

Ad essere trascurate sono soprattutto le direttive da seguire in relazione ad autenticazione e privacy.

Facebook è riconosciuto come il principale (71,6%) veicolo di infezioni di malware e di violazioni della privacy (73,2%). Segue il canale per la condivisione dei video, YouTube, al quale si attribuisce il 41,2% degli attacchi malware, e poi Twitter, responsabile del 51% delle violazioni della privacy.

Non mancano aziende che hanno subito delle perdite finanziarie in seguito a questo tipo di problemi. Queste hanno dichiarato che Facebook è stato il sito più sfruttato (62%), collocano poi al secondo posto Twitter (38%), a seguire YouTube (24%) e LinkedIn (11%).

____________________________________

ARTICOLI CORRELATI:

  • Quando il malware viene dal social network
  • Social Media Marketing per imprese: strumenti e strategie
  • Social network e Pmi: connubio possibile?

  • ____________________________________