Tratto dallo speciale:

CU pensionati all’estero

di Noemi Ricci

scritto il

Istruzioni e chiarimenti INPS in merito alle Certificazioni Uniche per i pensionati residenti fiscalmente all'estero.

Con il messaggio numero 2239 del 2017 l’INPS fornisce alcuni chiarimenti in merito alla Certificazione Unica relativa ai redditi percepiti nel periodo di imposta 2016 da parte dei pensionati residenti all’estero. CU che è già stata resa disponibile dall’INPS, in qualità di sostituto d’imposta, a partire dal 28 febbraio 2017.

=> Certificazione Unica: come chiederla all’INPS

L’Istituto ricorda che i pensionati residenti all’estero possono richiedere la Certificazione Unica anche fornendo i propri dati anagrafici ed il numero di codice fiscale, ai seguenti numeri telefonici dedicati: 0039 – 06.59058000 – 0039 – 06.59053132, con orario 8-19 (ora italiana).

Più in particolare l’Istituto fornisce delucidazioni in merito ad alcune annotazioni particolari riportate sulle Certificazioni Uniche e alle relative implicazioni, riferite alle pensioni totalmente o parzialmente esenti da imposizioni fiscali in Italia, in applicazione di specifiche convenzioni strette con i Paesi esteri.

=> CU 2017: novità ed istruzioni 

Ad esempio, viene analizzato il caso particolare dei pensionati fiscalmente residenti in Brasile e in Canada e vengono fornite indicazioni su come evitare le doppie imposizioni fiscali sul reddito, nei casi di esenzione totale, e limitare gli importi dei conguagli a debito derivanti dalla tassazione a consuntivo, nei casi di esenzione parziale.

.

I Video di PMI

Sanzioni per omessa Certificazione Unica