Tratto dallo speciale:

Invio 730, postazioni di assistenza

di Barbara Weisz

scritto il

L'Agenzia delle Entrate offre assistenza telematica con postazioni self service per presentare il 730/2016 in scadenza il 22 luglio: elenco uffici operativi.

Nuovo servizio dell’Agenzia delle Entrate per i contribuenti che presentano il 730 in vista della scadenza del 22 luglio: negli uffici territoriali, da lunedì 11 luglio sono attive postazioni self service per fornire assistenza. Per utilizzarle bisogna avere le consuete credenziali di accesso (PNI e password Fisconline, PIN dispositivo INPS, identità SPID, NoiPA per dipendenti pubblici, ecc).

=> 730/2016: proroga al 22 luglio

Sul sito dedicato al 730 precompilato, sono segnalati tutti gli uffici in cui sono attive le postazioni: bisogna seguire il (percorso Home > contatti > postazioni di assistenza > regione > elenco).

Dalla pagina dei contatti, il link da cliccare è quello sotto la voce assistenza in ufficio, “attivo il servizio di assistenza per l’invio della dichiarazione precompilata presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate”.  Tuttavia il sito non reindirizza correttamente (riposta alla homepage), ma se si utilizza il link presente sulla homepage dell’Agenzia delle Entrate, nella sezione primo piano, si arriva sulla pagina dedicata al nuovo servizio, dalla quale si può navigare per vedere quali sono gli uffici attivi.

=> Elenco uffici per regione

Scadenze

Ricordiamo che la scadenza del 22 luglio è valida sia per coloro che presentano il 730 precompilato sia per i contribuenti che scelgono la dichiarazione cartacea, direttamente o tramite CAF e professionisti abilitati (i centri di assistenza fiscale, per utilizzare la proroga devono avere inviato almeno l’80% dei modelli presentati dai contribuenti entro il termine originario del 7 luglio). Allo scorso 7 luglio, erano già state presentate 1.699.263 dichiarazioni (per il momento quasi interamente modelli 730 in quanto la scadenza di Unico è ancora lontana). 

=> Il modello 730 editabile online

Chi non presenta il 730 entro il 22 luglio dovrà dichiarare il reddito attraverso il modello Unico entro il 30 settembre. Chi invece ha presentato il 730 ma si accorge di aver commesso errori, può correggere sia con il modello Unico sia presentando il 730 integrativo, entro il 25 ottobre.

Ricordiamo molto brevemente che la mancata presentazione della dichiarazione dei redditi prevede una sanzione dal 120% al 240% dell’imposta dovuta oppure (se non sono dovute imposte), da 258 a 1.032 euro. E’ però possibile regolarizzare la propria posizione entro 90 giorni dalla scadenza del termine, pagando una sanzione ridotta di 25 euro, oltre agli interessi sulle imposte dovute. 

Motore di ricerca uffici