Tratto dallo speciale:

Spese sanitarie 730: doppia proroga 2016

di Barbara Weisz

scritto il

Annunciata una doppia proroga relativa alle spese sanitarie nel modello 730 precompilato 2016 ai fini del calcolo delle detrazioni fiscali: una per i medici e una per i contribuenti.

La tanto attesa proroga per medici, farmacie e strutture sanitarie relativa ai dati sulle spese sanitarie dei contribuenti – valide per le detrazioni da inserire nel modello 730 – è finalmente arrivata, ma senza grandi rivoluzioni: l’Agenzia delle Entrate ha concesso agli operatori della sanità appena qualche giorno in più, spostando al 9 febbraio la scadenza del 31 gennaio per la trasmissione delle informazioni sulle prestazioni erogate e i farmaci acquistati, che poi il Fisco utilizzerà per predisporre il 730 precompilato 2016.

=> 730 precompilato: a rischio spese farmaceutiche

L’Agenzia delle Entrate specifica che questa proroga «non impatterà minimamente con il calendario della campagna dichiarativa 2016». E’ stata infatti decisa per andare incontro alle richieste di ordini professionali e associazioni di categoria, «anche in considerazione della novità dell’adempimento che permetterà ai contribuenti di poter disporre, nel proprio 730 precompilato, delle spese mediche sostenute l’anno precedente». Quindi, si conferma che il 730 precompilato sarà a disposizione dei contribuenti a partire dal 15 aprile.

=> 730 precompilato 2016: il calendario fiscale

La proroga riguarda studi medici e odontoiatri, ospedali e strutture sanitarie, farmacie. Non si parla del problema dei farmacisti evidenziato dal direttore delle Entrate, Rossella Orlandi, che non sarebbero pronti all’adempimento per non aver conservato tutti i dati di acquisto. Anzi, per la proroga l’Agenzia fa esplicito riferimento anche per le farmacie. Quindi, si può dedurre che nel 730 precomilato 2016 saranno pre-calcolate le detrazioni per gli acquisti di medicinali (che, con ogni probabilità, rappresentano il grosso delle detrazioni per spese sanitarie).

=> 730 precompilato con spese mediche: il diritto di opporsi

Infine, c’è un’altra proroga: slitta al 9 marzo il termine entro il quale i contribuenti possono comunicare il rifiuto all’utilizzo delle spese mediche nel 730 precompilato, possibilità riconosciuta in base al Codice della Privacy. Due le modalità possibili:

  • comunicazione all’Agenzia delle Entrate entro il 31 gennaio 2016
  • dal 10 febbraio al 9 marzo 2016 dall’area autenticata del sito web del Sistema Tessera Sanitaria (www.sistemats.it).