Proroga versamenti INPS in aree sisma

di Redazione PMI.it

scritto il

Slitta al 15 ottobre 2019 la ripresa degli adempimenti e dei versamenti sospesi nei territori dell’Italia centrale coinvolti dal sisma in Centro Italia nel 2016 e 2017.

L’INPS comunica la proroga della ripresa dei versamenti sospesi dei contributi previdenziali e assistenziali, nonché dei premi per l’assicurazione obbligatoria, nei Comuni colpiti dal sisma nei territori delle Regioni Lazio, Marche, Umbria, Abruzzo.

=> ZFU Sisma: al via le domande

La sospensione dei termini relativi agli adempimenti in scadenza nel periodo compreso tra gli eventi sismici – 24 agosto 2016, 26 e 30 ottobre 2016 e 18 gennaio 2017 – e il 30 settembre 2017, infatti, era stata disposta attraverso un decreto-legge ad hoc fissando la ripresa dei versamenti a partire dal 1° giugno 2019.

L’Istituto, con il messaggio 2338, informa che l’articolo 23 del decreto legge n. 32/2019, convertito dalla legge n. 55/2019, ha disposto che gli adempimenti e i versamenti contributivi sospesi vengano effettuati in unica soluzione entro il 15 ottobre 2019, senza applicazione di sanzioni e interessi.

Gli adempimenti possono essere rateizzati fino a un massimo di 120 rate mensili di importo uguale, con il versamento del valore delle prime cinque rate entro il 15 ottobre 2019. Sarà un messaggio successivo a fornire istruzioni per effettuare il versamento della contribuzione sospesa.