Tratto dallo speciale:

Lavoro: professioni ICT e retribuzioni

di Noemi Ricci

scritto il

Studio JobPricing sul mercato del lavoro e sulle retribuzioni dei principali ruoli nei settori IT, Web e Hi-Tech.

In occasione di SMAU 2016, l’Osservatorio JobPricing ha pubblicato un interessante studio che riporta indicatori del mercato del lavoro nazionale e indicatori retributivi dei principali ruoli operanti nel settore dell’IT, del Web e dell’Hi-Tech.

Il mercato digitale in Italia ha iniziato la sua ripresa nel 2015, dopo due anni di flessione, con un fatturato di 64.908 milioni di euro pari al +1,0% sull’anno precedente, che si era chiuso con un -1,4%, come il 2013. Bene tutti i comparti tranne i servizi di rete delle telecomunicazioni (-2,4%,), che valgono un terzo del mercato ma che sono in una condizione di calo che dura ormai da 3 anni. Per il 2016 è atteso un +1,5%.

=> Digital Academy per le professioni digitali

Nei quattro settori analizzati da JobPricing che occupano come core business figure professionali del mondo ICT (apparecchiature elettroniche ed elettriche; telecomunicazioni; media, web, comunicazione e editoria; servizi e consulenza IT e software), le retribuzioni medie superano la media nazionale che è di 29.176 euro:

  • in cima le telecomunicazioni al 4° posto della graduatoria delle industry per retribuzione con una retribuzione media di 37.419 euro. Premiati soprattutto dirigenti e operai;
  • seguono i servizi e consulenza ICT e software al 6° (RAL 36.310 euro);
  • terzo posto per media, web, comunicazione e editoria al 10° (RAL 32.759 euro);
  • chiudono la classifica a quattro le apparecchiature elettroniche ed elettriche all’11° (RAL 32.544 euro). Premiati soprattutto quadri e impiegati.

In generale, considerando tutti i 4 settori analizzati, il Centro registra una retribuzione media pari a 35.464 euro, superiore a quella registrata al Nord (34.298 euro) e a quella del Sud e Isole (30.790 euro). Le retribuzioni più alte si trovano nelle grandi aziende, con oltre 1.000 dipendenti (41.136 euro), con un incremento medio del +40% rispetto alle retribuzioni erogate dalle micro imprese con meno di 10 dipendenti.

=> Professioni digitali: ecco dove si trova lavoro

Entrando nello specifico di alcune professionalità rappresentative del mondo ICT e altre più trasversali nel panorama italiano:

  • un Web Architect percepisce una RAL media pari a 38.775 euro;
  • un E-commerce Specialist 32.358 euro;
  • un Digital Account 35.699 euro;
  • un Social & Community Manager 30.761 euro;
  • un Direttore ICT/Sistemi Informativi ha una retribuzione media di 109.648 euro;
  • un Analista Programmatore ha una RAL media di 32.206 euro;
  • un Operatore Help Desk ha una RAL pari a 25.937 euro.

Mario Vavassori, Presidente dell’Osservatorio JobPricing, fa notare:

«L’analisi dei trend per singola qualifica mostra un calo retributivo per i profili dirigenziali di tutti i settori, in particolare quello delle telecomunicazioni. In linea con il trend nazionale ci sono gli stipendi degli impiegati, mentre nessuno dei 4 settori sembra essere vantaggioso per le retribuzioni dei quadri rispetto al resto del mercato, almeno stando ai dati del primo semestre 2016».

Il report racchiude i dati Assinform 2016 e il trend delle retribuzioni di settore rilevati dall’Osservatorio JobPricing nel primo semestre 2016. I dati retributivi riportati sono stati raccolti in forma anonima tramite “Confronta il tuo stipendio”, il tool disponibile sul sito Jobpricin che permette di confrontare la propria retribuzione con quella che un profilo omologo percepisce in media sul mercato italiano. Al termine dell’interrogazione ognuno ha potuto ricevere gratuitamente il proprio report personalizzato via mail, congiuntamente alla guida per la negoziazione salariale.

Il rapporto completo è disponibile gratuitamente sul sito JobPricing.