Imprese italiane verso la Macedonia

di Marianna Di Iorio

scritto il

Durante un incontro che si è svolto lunedì presso l'ICE, è stato affrontato il tema del rapporto tra le imprese italiane e quelle macedoni

Lunedì si è svolto a Milano il Forum imprenditoriale rivolto alla collaborazione commerciale e industriale tra le imprese italiane e quelle macedoni, organizzato dall’Istituto nazionale per il Commercio Estero (ICE).

Durante l’incontro sono intervenuti il Ministro per gli Investimenti Esteri della Macedonia, Gligor Tashkovich, e il Sottosegretario al Commercio Internazionale, Milos Budin. Il Forum è stato un’occasione per mettere in evidenza le opportunità di investimenti presenti in Macedonia.

In seguito al conferimento dello status di “Paese candidato”, che consente l’accesso ai finanziamenti messi a disposizione dall’Unione europea, la Macedonia si è trasformata in un paese molto interessante dal punto di vista delle opportunità economiche e commerciali grazie soprattutto, come si legge in un comunicato stampa dell’ICE, alla riduzione della tassa sugli utili e all’unica tassa fissa sul reddito, fissata al 10%.

Secondo il Sottosegratario Budin è «giunto il momento di portare il Sistema Italia in Macedonia anche attraverso l’organizzazione di una delegazione che riunisca il mondo istituzionale, economico e finanziario».

Il Ministro Tashkovich ha, invece, illustrato le priorità della Macedonia: crescita economica e soprattutto realizzazione di progetti nel settore delle telecomunicazioni, in quello energetico e metalmeccanico, per contribuire allo sviluppo sociale del Paese.