Cgia Mestre: 2010 anno nero per l’occupazione, più licenziamenti che assunzioni

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Anzichè rappresentare il giro di boa per la ripresa economica, l'anno in corso continua ad essere drammatico per quanto concerne l'occupazione. Entro dicembre, saranno 2,2 milioni i senza lavoro in Italia

L’anno in corso chiudere il suo bilancio occupazionale in rosso: entro dicembre 2010 potrebbero arrivare a quota 2,2 milioni i senza lavoro, a causa del persistente scarso tasso di assunzione da parte delle aziende che, durante l’anno, hanno preferito tagliare le spese licenziando personale.

È quanto emerge dall’analisi della Cgia di Mestre (Associazione Artigiani Piccole Imprese), che ha comparato gli indici di disoccupazione provinciale con con le stime dell’indagine conoscitiva Excelsior-Unioncamere.

Il risultato è tra un totale di 980.550 licenziamenti, contro 802.160 di nuove assunzioni previste entro fine anno: in pratica, più licenziati che assunti. Pertanto, in virtù delle stime, la disoccupazione nazionale potrebbe salire dell’1%, giungendo all’8,7%.

La situazione peggiore si registra nel Sud d’Italia, soprattutto a Napoli, Bari e Catania. Tuttavia, dati negativi si segnalano anche al Nord, dove emerge un forte impoverimento in termini di risorse umane dell’industria manifatturiera.

Le città più a rischio sono Milano (che potrebbe raggiungere un totale di 13.060 lavoratori in meno), Torino (7.730) e Napoli (5.650) che tra l’altro già parte da un altissimo tasso di disoccupazione pari al 14,6%.

A seguire le altre importanti città italiane, tutte in forte crisi. Basti pensare a Brescia (5.400), Bergamo (5.280), Treviso (4.990) e Roma (4.500), ma soprattutto a Bari (4.320) che nel 2009 ha rilevato un tasso dell’11,1% e a Catania (2.550) il cui tasso era dell’11,3%.