Gartner: le 6 azioni che i CIO devono evitare

di Marianna Di Iorio

scritto il

Si tratta di uno studio, reso noto nei giorni scorsi, che ha lo scopo di fornire alcuni consigli ai Chief Information Officer (CIO)

I CIO più che utilizzare un linguaggio tecnico dovrebbero usare termini legati a ciò che l’azienda può fare con le tecnologie e dovrebbero spendere meno tempo a considerare prioritario il budget per la politica aziendale.

È questo uno dei risultati della ricerca di Gartner “Six things CIOs need to stop doing” (le sei azioni che i CIO dovrebbero evitare di compiere), resa nota nei giorni scorsi.

Secondo l’indagine, dunque, per eliminare la tendenza ad utilizzare un linguaggio troppo tecnico e non legato all’azienda, i CIO dovrebbero semplificare i tipi di servizi che offrono e inserirli all’interno di un gruppo logico, con una descrizione basata sull’utente.

Ai CIO, inoltre, che considerano al primo posto il budget è consigliato di spendere meno tempo a razionalizzare le richieste di unità individuali per la fornitura di applicazioni e servizi, specialmente quelli legati alla produttività.

Per coloro che, invece, considerano l’architettura dell’azienda in termini di “ordine e controllo”, l’autrice Ellen Kitzis consiglia di non utilizzarla per controllare le priorità e gestire le applicazioni di business, ma per creare coerenza e sinergia.

Per fornire valore aggiunto al proprio lavoro, inoltre, i CIO dovrebbero focalizzarsi sulle performance legate all’azienda e non dovrebbero assolutamente comunicare utilizzando la metrica legata all’IT: uno strumento per misurare il successo di un’organizzazione IT potrebbe essere utile in questo caso.

Infine, secondo l’ultimo punto analizzato nel report i CIO dovrebbero concentrarsi sulla costruzione della credibilità piuttosto che guardare agli errori commessi in passato.