Esodati esclusi dal DEF: addio risorse

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Non c'è traccia degli esodati nel Documento di economia e finanza (DEF): l'allarme lanciato da Cgil e Pd.

Pessime notizie per migliaia di lavoratori esodati: mancano le risorse per tutelarli tutti e nel Documento di Economia e Finanza 2013 (DEF) echeggia l’assenza di un riferimento a coloro che, drammaticamente, sono rimasti senza lavoro né pensione per via della Riforma delle Pensioni Fornero.

=> Vai allo Speciale Esodati

A lanciare l’allarme esodati è stata la leader della Cgil, Susanna Camusso: «leggendo il Documento economico e finanziario che il governo manda alle Camere, all’interno la parola esodati non esiste e le risorse stanziate per gli esodati non esistono».

In pratica, «nel Def – ha ribadito – che dovrebbe determinare le tracce del bilancio dello Stato italiano, gli esodati non sono previsti e non ci sono le risorse».

Prevedibilmente critica Camusso: il ministro Elsa Fornero, nonostante la storia professionale di tutto rispetto, non è stata «all’altezza né sul versante previdenziale né su quello del mercato lavoro».

E parlando dei 130mila esodati per i quali il Governo sembra aver trovato le risorse necessarie alla tutela con i tre decreti approvati Susanna Camusso ricorda che «nonostante sia un anno che si decreta non c’è un solo esodato che è andato in pensione» soprattutto per colpa delle procedure e dell’incertezza dei criteri.

=>Leggi: Esodati, estesa Salvaguardia 65mila e 55mila

E anche il Pd, per voce del deputato Cesare Damiano, ritiene che l’assenza degli esodati nel DEF sia molto grave «perché si tratta di una delle emergenze del paese accanto a quella del finanziamento della cassa integrazione in deroga».

«La nostra risoluzione sul documento di economia e finanza dovrà contenere indicazioni perché il governo intervenga immediatamente sul rifinanziamento degli ammortizzatori in deroga, sui lavoratori senza retribuzione, sugli esodati. Il DEF è largamente insufficiente, come abbiamo denunciato, su molte delle emergenze sociali più avvertite nel Paese», ha aggiunto la senatrice del Pd Rita Ghedini.
«Si tratta di tenere conto del ciclo economico e dell’aumentata esigenza in materia di protezioni sociali. In particolare, su esodati e Cig in deroga siamo di fronte ad un’emergenza su cui è assolutamente prioritario intervenire».