Tratto dallo speciale:

Esodati: la lista dei lavoratori in pensione da Aprile

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Mentre le ultime tranche di esodati aspettano ancora i decreti attuativi, pochi andranno in pensione prima di Aprile 2013: ecco la tabella di marcia per le liste.

Il 2013 si è aperto all’insegna del problema esodati, con la riforma delle pensioni che fa sentire i suoi drammatici effetti: le prime liste sono comunque in via di pubblicazione e riguardano i primi 65mila salvati con decreto ad hoc, che andranno in pensione con le vecchie regole:

=>Leggi di più nello Speciale Esodati

In generale, però, fino ad Aprile saranno ben pochi i lavoratori che riusciranno a ricevere l’assegno previdenziale.

Sono gli effetti dell’aumento di tre mesi al raggiungimento dei requisiti pensionistici, – per adeguamento alle aspettative di vita – che scatta anche per chi rientra nelle vecchie regole se raggiunge i requisiti nel 2013.

=>Scopri i nuovi requisiti pensionistici da Gennaio 2013

Ad incidere sullo slittamento delle pensioni 2013 è anche la finestra mobile di 12 mesi per i lavoratori dipendenti – e di 18 mesi per gli autonomi – introdotta dalla precedente riforma delle pensioni Sacconi.

Questo significa che chi compie i 66 anni a partire dal 1° gennaio in realtà raggiungerà i requisiti a 66 anni e 3 mesi (ovvero non prima di Aprile), pur avendo aspettato i 65 anni più un anno di finestra mobile della riforma Sacconi.

=>Approfondisci le novità della Riforma delle Pensioni

Per ora a poter accedere alla pensione secondo le vecchie regole sono solo i primi 65 mila esodati salvaguardati. Per gli altri 65 mila (i 55mila salvaguardati dal Decreto Sviluppo e i 10mila della Legge di Stabilità) bisognerà attendere ancora perché i decreti diventino operativi.

=> Leggi il problema dei decreti attuativi per gli esodati