Imprese e riforma del lavoro: il Tour di ADP Italia

di Redazione PMI.it

scritto il

Seconda tappa del Tour organizzato da ADP Italia nella penisola: si parlerà della riforma del lavoro, delle nuove normative che riguardano le imprese, dei costi e delle agevolazioni per le assunzioni.

Riforma del lavoro, costi per le imprese e nuove regole dettate dal Governo Monti: se ne parla durante gli incontri organizzati da ADP Italia nel suo tour informativo che passa per sei centri della Penisola.

Dopo Roma, l’8 marzo sarà la volta di Bari, dove si svolgerà il secondo seminario organizzato dalla società, specializzata nell’offerta di servizi per l’amministrazione e la gestione delle risorse umane.

Seguiranno Firenze, Trieste, Bologna e Torino (il 13, 15, 21 e 23 Marzo rispettivamente).

L’incontro con le imprese organizzato da ADP Italia toccherà alcune delle tematiche più calde e discusse del momento: si parlerà, infatti, degli interventi previsti dal Governo Monti a favore dell’occupazione nelle regioni del Sud, come il ripristino di un credito d’imposta versato alle aziende che assumono nuova forza lavoro con contratti a tempo indeterminato, e soprattutto lavoratori svantaggiati.

L’attenzione sarà focalizzata sulle nuove opportunità a beneficio dei giovani e delle donne, come anche sulle modalità a disposizione delle imprese per ottimizzare i tempi e i costi dell’amministrazione.

Di notevole interesse per le aziende, inoltre, saranno i risultati di una ricerca internazionale realizzata in collaborazione con PricewaterhouseCoopers e inerente i “costi nascosti” all’interno delle spese relative al personale.

Un ordine del giorno che si allinea perfettamente con quelli che sono gli intenti del programma ideato dal gruppo, come sottolinea il consulente del lavoro Alessandro Petrelli.
«Il nostro obiettivo è far comprendere alle direzioni del personale la natura del costo del lavoro, come si forma e quanto incide in azienda. Vogliamo riservare particolare attenzione ai temi riguardanti l’assunzione a termine dei lavoratori iscritti alle liste di mobilità, poiché garantisce agevolazioni contributive e non necessita di motivazioni tecniche, organizzative e produttive.»

Per ulteriori dettagli: ADP in Tour