Antitrust: professionisti, caste chiuse

di Noemi Ricci

scritto il

Secondo l'indagine conoscitiva condotta dall'Antitrust, e appena conclusasi, su 13 ordini professionali, questi agirebbero come caste detentrici di privilegi ingiustificati ed restie al cambiamento

Conclusa l’indagine conoscitiva dell’Antitrust su 13 ordini professionali partita nel gennaio 2007. Ne esce un quadro preoccupante: categorie poco propense al cambiamento e all’introduzione nei codici deontologici di innovazione, necessari per aumentare la spinta competitiva nei singoli comparti.

Stiamo parlando degli ordini professionali di architetti, avvocati, consulenti del lavoro, farmacisti, geologi, geometri, giornalisti, ingegneri, medici e odontoiatri, notai, periti industriali, psicologi, dottori commercialisti ed esperti contabili.

Il loro comportamento sarebbe assimilabile, secondo l’organismo di vigilanza sulla concorrenza,a quello delle caste, detentrici di privilegi ingiustificati – permessi da una regolamentazione normativa unica in Europa – ed estremamente reticenti al cambiamento.

I Video di PMI

Decreto Agosto: le misure del pacchetto lavoro