Toscana: imprese “rosa” e multietniche

di Noemi Ricci

scritto il

Cresce la percentuale di imprese "rosa" in Toscana, ma non le imprenditrici toscane iscritte al Registro Imprese. L'aumento sembra dovuto alla comunità imprenditoriale straniera

In Toscana è risultato in crescita il numero di imprese a maggioranza femminile: +643 unità nel 2007, pari ad un incremento dello 0,7%. Considerando che le restanti aziende hanno registrato nello stesso periodo un -943 per un calo del -0,3%, si evince che le imprese “rosa” incidono del 23% sul tessuto imprenditoriale regionale.

Questo, almeno, secondo quanto emerso da un recente studio dell’Osservatorio sulle Imprese Femminili di Unioncamere Toscana, realizzato in collaborazione con Regione Toscana e basato sui dati forniti da Infocamere-Stockview relativi al Registro Imprese delle Camere di Commercio.

Confrontando le fonti, il dato interessante che va segnalato è che, invece, non è cresciuto di pari il numero di imprenditrici toscane iscritte al Registro Imprese, la cui presenza è ferma a -0,8%.

A ricoprire il ruolo di amministratrice sarebbero ancora poche (+1,5%). In diminuzione le “socie” (-2,2%) mentre per le titolari si è registrato -0,1%.

Confrontando i risultati con quelli di altre regioni, la percentuale di imprese rosa in Toscana si allinea con le presenze in Piemonte e Veneto – che mostrano un benchmark di +0,5% – superate Emilia Romagna (+1,2%) e Marche (+1,3%). Fanalini di coda, invece, la Lombardia con +0,1%.

Relativamente allo sviluppo della demografia imprenditoriale femminile al primo posto si colloca Grosseto (28,8%) e all’ultimo Firenze (21,4%).

A differenza delle imprese a maggioranza maschile, le imprenditrici toscane hanno mostrato di preferire la forma giuridica di società di capitale (+6,3%, +766) e quella di cooperativa (+5,1%, +53 contro +0,1%, +6), ma la più diffusa rimane, con il 60% delle preferenze, la ditta individuale.

Tuttavia, la vera crescita sembra da attribuirsi all’aumento delle imprenditrici straniere, soprattutto comunitarie (+8,3%, in prevalenza Rumene e Ceche) Tra le extra-comunitarie (+6,2%) spiccano le presenze cinesi, senegalesi e pachistane.

In calo, infine, le imprenditrici toscane: -1.184, ovvero -0,8% a fronte di un quadro generale che rimane stabile (+37, +0,1%).