Tratto dallo speciale:

Fondi Ue alle professioni: sportello CUP

di Barbara Weisz

scritto il

Il Comitato Unitario delle Professioni, CUP, annuncia per marzo uno sportello per l'accesso ai fondi UE dei professionisti: l'anticipazione di Marina Calderoni.

Il Comitato Unitario delle Professioni (CUP) apre uno sportello per aiutare i professionisti ad utilizzare la nuova possibilità, prevista dalla Legge di Stabilità, che li equipara alle PMI per l’accesso ai fondi UE: si tratta di un’iniziativa non ancora operativa, annunciata dalla presidente Marina Calderoni, i cui tempi di attuazione sono relativamente stretti. Lo sportello dovrebbe aprire entro il prossimo mese di marzo.

=> Fondi UE: liberi professionisti come le PMI

Due gli obiettivi che il CUP si propone: informare adeguatamente gli ordini delle nuove possibilità di finanziamento europeo che si aprono e supportare concretamente i professionisti nelle procedure.

«Il prossimo passaggio – dichiara Calderoni in un’intervista a Italia Oggi – è la sensibilizzazione delle Regioni, che sono i soggetti che materialmente gestiscono questi fondi».

Il CUP chiede che nei bandi regionali siano inseriti anche i professionisti, sulla base del protocollo che è stato predisposto nel corso di un tavolo presso il ministero dello Sviluppo Economico a cui hanno partecipato sia le Regioni sia il Comitato delle Professioni.

L’equiparazione dei professionisti alle PMI nell’accesso ai Fondi Europei prevede la possibilità di utilizzare i fondi dei piani operativi regionali e nazionali dei fondi sociali europei (FSE) e del fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), che rientrano nella programmazione 2014-2020. La norma recepisce gli orientamenti europei (Raccomandazione Commissione UE 6 maggio 2013/361/CE, Regolamento UE 1303/2013, Linee d’azione per le libere professioni del Piano d’azione Imprenditorialità 2020).