Bonus, Cig e assunzioni agevolate di Agosto

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Massimiliano chiede

Per la nostra impresa individuale (scuola di lingue privata) ci sono agevolazioni o bonus, fondi sociali europei o agevolazioni per assunzioni di over 50 e under 35? Siamo stati in Cigd dal 2 marzo al 31 luglio: con il Decreto Agosto abbiamo diritto ancora alla cassa? Entro quando fare domanda per la Cigd relativa al mese di Agosto?

Barbara Weisz risponde

Sono diversi i benefici previsti per la generalità delle imprese contenuti nel Decreto Agosto.

Tra questi, altre 18 settimane di cassa integrazione con causale Covid-19, da richiedere direttamente all’INPS entro fine settembre oppure entro la fine del mese successivo a quello di inizio del periodo di astensione dal lavoro o riduzione di orario.

La domanda di cig va presentata all’INPS entro al fine del mese successivo a quello in cui ha inizio la sospensione o riduzione del lavoro. In sede di prima applicazione, anche per i trattamenti iniziati a luglio la prima scadenza slitta a fine settembre.

=> Cassa Covid Dl Agosto: pronte le istruzioni INPS

Bisogna prima chiedere le prime nove, utilizzate le quali si può richiedere al seconda tranche: in quest’ultimo caso, è previsto un contributo addizionale per le aziende che non hanno subito perdite o le hanno contenute entro il 20%.

In alternativa alla possibilità di nuovi ammortizzatori, il decreto Agosto i riconosce un beneficio contributivo alle imprese che, dopo aver utilizzato la cig (come nel vostro caso), non la richiede per i prossimi mesi. L’articolo 3 del dl 104/2020 prevede lo sgravio per un massimo di quattro mesi, pari al doppio delle ore di integrazione salariate utilizzate in maggio e giugno 2020.

Per quanto riguarda le nuove assunzioni agevolate, c’è una specifica misura introdotta dal decreto (articolo 6), ossia l’esonero contributivo per i nuovi contratti a tempo indeterminato effettuate a partire dal 15 agosto e fino al 31 dicembre 2020:  fino a sei mesi di esenzione dei versamenti contributivi a carico del datore di lavoro, fino a un tetto massimo di 8.060 euro all’anno.

Restano poi applicabili gli altri incentivi che erano già previsti, ad esempio quello sulle assunzioni di under 35 prorogato dal comma 10 della Legge di Bilancio 2020, consistente in uno sgravio contributivo del 50% fino a 3mila euro annui. Se l’impresa è nel Sud, l’esonero contributivo è al 100% fino a 8mila 60 euro annui.

Ed è poi strutturale l’incentivo sull’assunzione di donne disoccupate o di lavoratori over 50, per 12 o 18 mesi a seconda che il contratto sia a termine o a tempo indeterminato (articolo 4, commi 8-12, legge 92/12): anche in questo caso lo sgravio è pari al 50%.