Bonus baby sitter per i nonni

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Antonio chiede

L’erogazione del bonus baby sitter è subordinato alla documentazione delle spese sostenute? Se il servizio è stato effettuato dai nonni, quindi senza poter esibire alcuna documentazione di spesa, il bonus verrà erogato ugualmente?

Barbara Weisz risponde

Il bonus baby sitting viene versato attraverso il Libretto famiglia, che è sostanzialmente un sistema di voucher digitali. Molto in sintesi, devono registrarsi alla piattaforma INPS sia l’utilizzatore (in questo caso, i genitori) sia il beneficiario (nel caso da lei prospettato, i nonni che fanno da baby sitter). Alla fine, l’INPS paga la prestazione direttamente al beneficiario.

Quindi, per rispondere alla sua domanda, non è necessario esibire la documentazione di spesa, perché il pagamento lo effettua direttamente l’INPS. E’ invece necessario che sia l’utilizzatore sia il beneficiario possiedano tutti i requisiti richiesti.

=> Nuovi bonus baby sitting e centri estivi: domande al via

Nel caso specifico dei nonni, in base alle regole che può consultare per esteso nella circolare INPS 73/2020, non si applica la «presunzione di gratuità delle prestazioni di lavoro rese in ambito familiare» con l’esclusione dei genitori e dei familiari conviventi. In parole semplici, se i nonni sono conviventi con i nipoti, non possono essere destinatari del bonus. Se invece non sono conviventi con i nipoti, possono percepirlo.