Opzione donna: calcolo e requisiti 2018

Risposta di Noemi Ricci

scritto il

Maria chiede:

Lavoro come ass.te amm.va in una scuola, ho 35 anni di servizio e 60 di età; 4 anni non sono coperti da servizio ma ho fatto domanda nel 1990 per riscattare tale periodo, che è stata accolta, tale servizio è coperto da retrodatazione giuridica dopo il passaggio in ruolo nel settembre 1989, inoltre, ho 8 mesi di servizio non statale di categoria superiore. Posso, con le nuove leggi, chiedere di andare in pensione con opzione donna? A quanto ammonterebbe la decurtazione dello stipendio attuale?

L’Opzione Donna è una forma di pensione anticipata riservata alle sole lavoratrici che hanno compiuto 57 anni (o 58 nel caso delle autonome) entro il 31 dicembre 2015 e che alla stessa data avevano almeno 35 anni di contributi, accettando però un calcolo interamente contributivo della pensione. Calcolo contributivo può comportare una decurtazione  dal 20 al 30%.

Dunque lei non sembra rientrare tra le possibili beneficiarie poiché, se ho capito bene, possiede oggi 35 anni di contributi, mentre l’attuale normativa richiede che i requisiti fossero perfezionati alla data del 31 dicembre 2015.

Tuttavia l’Opzione Donna potrebbe essere prorogata o addirittura divenire strutturale con la Riforma delle Pensioni che il governo Conte si appresta ad attuare.

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Chiedi all'esperto

Risposta di Noemi Ricci