Integrazione salario, domande e conguagli

di Noemi Ricci

scritto il

FIS e Fondi di solidarietà: le istruzioni INPS sul flusso UniemEns in caso di conguaglio delle integrazioni salariali versate dai datori di lavoro.

Con la circolare n. 170/2017 n. 170 l’INPS fornisce le istruzioni per la compilazione del flusso UnieEmens in merito al conguaglio delle prestazioni di integrazione salariale, al pagamento della contribuzione addizionale e dei conguagli per interventi formativi.

I Fondi di solidarietà, ricorda l’Istituto, hanno lo scopo di garantire tutela, in costanza di rapporto di lavoro, nei casi di riduzione o sospensione dell’attività lavorativa. Le integrazioni salariali vengono erogate dai datori di lavoro e quindi rimborsate dall’INPS o, in alternativa, possono essere conguagliate dal datore di lavoro stesso con il versamento della contribuzione obbligatoria.

=> Fondi di solidarietà, tetto alle prestazioni

Le istruzioni INPS riguardano proprio quest’ultimo caso in cui i datore di lavoro paga l’assegno ordinario o di solidarietà ai lavoratori aventi diritto per poi portare a conguaglio il proprio credito, con riferimento alle novità introdotte dal Decreto Legislativo 14 settembre 2015, n. 148 in materia di trattamenti di integrazione salariale, già illustrate con la circolare INPS n. 9/2017.

In particolare l’INPS fornisce indicazioni in merito a:

  • Contributo addizionale;
  • Domande ed esposizione dell’evento;
  • Esposizione del contributo addizionale e del conguaglio di assegno ordinario – assegno di solidarietà;
  • Domande ed esposizione conguagli per finanziamento programmi formativi;
  • Istruzioni contabili.

=> CIG straordinaria, come fare domanda

Il nuovo quadro operativo entrerà in vigore a partire dalle denunce con competenza gennaio 2018, in relazione alle domande presentate dal 1° gennaio 2018, esclusivamente per eventi decorrenti dalla stessa data.

.