Previdenza complementare: fondo unico coop

di Noemi Ricci

scritto il

Fusione fondi pensione del mondo cooperativo: al via previdenza complementare unica, quinta per iscritti e ottava per patrimonio.

I lavoratori delle coop d’ora in poi avranno un fondo di previdenza complementare unico, grazie all’accordo storico stretto tra Agci, Confcooperative e Legacoop (riunite nell’Alleanza delle cooperative) e Cgil, Cisl, Uil volto all’accorpamento di Cooperlavoro, Previcooper e Filcoop, i tre fondi di previdenza complementare al quale aderiscono i lavoratori del sistema cooperativo.

Una novità che vede coinvolti complessivamente oltre 117mila iscritti e 1,8 miliardi di euro di patrimonio in gestione. Accorpando i tre fondi di previdenza complementare del mondo cooperativo, il nuovo fondo diventerà uno dei maggiori fondi pensione, collocandosi al quinto posto per iscritti e all’ottavo posto per patrimonio.

=> Previdenza complementare: mini guida

In questo modo si otterranno una maggiore efficienza e rappresentanza che favorirà anche la rendita degli iscritti. Tra gli obiettivi della fusione anche la promozione di nuove iniziative volte a sostenere le adesioni anche per via contrattuale alla previdenza complementare e a promuovere cultura e l’educazione previdenziale.

Per le parti coinvolte:

«È un accordo di portata storica, il primo nel suo genere in Italia e porta alla nascita di un fondo pensione unico per i lavoratori delle imprese cooperative. Le economie di scala consentiranno il contenimento dei costi e miglioreranno la dinamica dei rapporti contrattuali con gli enti gestori delle risorse patrimoniali, quantità e qualità dei servizi offerti e assetti organizzativi, consolidando la governance, in un quadro di rafforzamento dei legami solidaristici e di miglioramento delle relazioni industriali».

 Fonte: Comunicato – Cooperlavoro, Previcooper e Filcoop.

I Video di PMI

Visite fiscali INPS per malattia dei dipendenti