Tratto dallo speciale:

Opzione Donna: requisiti pensione nel pubblico e nel privato

di Redazione PMI.it

scritto il

Opzione Donna prorogata per il 2021: requisiti di accesso, arrotondamento del requisito contributivo e finestre mobili.

Prorogata di un anno, per tutto il 2021, l’Opzione Donna potrebbe rappresentare una delle misure cardine della prossima Riforma delle pensioni al fine di garantire flessibilità di uscita dal mondo del lavoro. In attesa di conoscere in dettaglio quelle che saranno le decisioni del Governo per la revisione del sistema previdenziale, vediamo quali sono attualmente i requisiti richiesti per l’accesso all’Opzione Donna, nel pubblico e nel privato.

Requisiti Opzione Donna

Le dipendenti del settore privato o pubblico possono ritirarsi dal mondo del lavoro, accedendo alla pensione anticipata con l’Opzione Donna se hanno compiuto entro il 31 dicembre 2020 58 anni d’età. Per le autonome l’età che deve essere maturata, sempre entro fine 2020, è pari a 59 anni. In tutti i casi viene richiesto di aver maturato almeno 35 anni di contributi. Ai fini del perfezionamento del requisito contributivo valgono:

  • i contributi obbligatori versati durante l’attività di lavoro; i contributi da riscatto e/o da ricongiunzione;
  • i contributi volontari;
  • i contributi figurativi con esclusione di quelli accreditati per malattia e per disoccupazione.

=> Opzione Donna: requisiti e richiesta

Penalizzazioni

Per quanto riguarda l’importo dell’assegno pensionistico, tuttavia, chi accede alla pensione anticipata con Opzione Donna deve accettare il calcolo dell’assegno previdenziale con il solo sistema contributivo. Non solo: l’accesso alla pensione vera e propria avverrà trascorsa la cosiddetta finestra mobile pari a:

  • 12 mesi per le dipendenti;
  • 18 mesi mesi per le autonome.

=> Opzione Donna: le decorrenze 2021 e 2022

Arrotondamento del requisito contributivo

L’INPS ha confermato che è possibile scegliere l’Opzione Donna anche nel caso in cui la lavoratrice abbia maturato il diritto ad altro trattamento pensionistico, in base ai requisiti tempo pro tempore vigenti. Alle dipendenti pubbliche potrebbero quindi bastare 34 anni, 11 mesi e 16 giorni di contributi per poter accedere all’Opzione Donna, in base all’arrotondamento previsto all’art. 59, comma 1, lett. b, della legge n. 449/1997. Successivamente, la Riforma Fornero ha invece disposto che dal 1° gennaio 2012, il requisito dell’anzianità contributiva debba essere maturato per intero per poter andare in pensione.  Per i dipendenti pubblici il divieto di arrotondamenti opera dal 1° maggio 2015. Permane, come chiarito dall’INPS – Messaggio n. 2974/2015, la possibilità di arrotondamento per:

  • chi accede al regime sperimentale Opzione Donna (bastano appunto 34 anni, 11 mesi e 16 giorni);
  • 40 anni di anzianità al 31 dicembre 2011 (bastano 39 anni, 11 mesi e 16 giorni);
  • salvaguardati che raggiungono il diritto alla pensione con 40 anni di contributi a prescindere dall’età (bastano 39 anni, 11 mesi e 16 giorni);
  • pensioni d’inabilità.