La crisi spinge il cloud working: i numeri 2013

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

La crisi che attanaglia il mercato del lavoro sta incentivando il self employment e sempre più aziende si affidano a freelance o professionisti piuttosto che assumere, sfruttando portali di “cloud working”.

=> Confronta con il mobile working

La nota piattaforma per la collaborazione a distanza twago ha fornito numeri che evidenziano l’emergere del trend: nel 2012 gestione progetti per 50 milioni di euro (il 23% per il mercato italiano), iscritti 180mila fornitori (+40% rispetto al 2012) e 1,6 milioni di ore di lavoro assegnate a freelance, agenzie e professionisti in un anno.

Nel mondo del cloud working, dunque, il potenziale in Italia è elevato, con ottime prospettive per quanto riguarda il l'innovazione del mercato del lavoro.

Non siamo ancora ai livelli degli Stati Uniti – dove nei prossimi due anni il 90% delle aziende si affideranno anche a lavoratori freelance e dove il 30% delle risorse lavorerà  online – ma i margini di crescita sono davvero notevoli.

=> Leggi le offerte di Lavoro IT: 400mila posti nella UE

Puntare sul cloud working in Italia può quindi rappresentare una scelta vincente, in grado di ridurre la disoccupazione, venire incontro alle esigenze delle aziende con budget limitati e al contempo spingere l’acceleratore sul pedale dell'innovazione digitale.