Nuove prospettive nel 2007

di Stefano Ferrario

scritto il

Vi siete mai chiesti cosa significa Outlook in inglese? Vuol dire Prospettiva, parola con almeno una decina di significati, pensate solo che in russo prospettiva è una strada di città larga e diritta! Non credo che intendessero questo in casa Microsoft, ma sono quasi certo che volessero far intendere la polivalenza, di nome e di fatto.

Microsoft Outlook brilla tra i vari client di posta elettronica con il suo talento nell’organizzazione (cartelle virtuali, ricerche veloci), i suoi filtri antispam e antiphishing e con la sua ottima integrazione tra agenda e to-do list.

Pro

  • efficace filtro per lo spam e per il phishing
  • organizzazione delle email
  • integrazione di calendario, appuntamenti e to-do list

Contro

  • c’è un po’ di confusione nella configurazione, soprattutto tra la miriade di opzioni
  • è lento, soprattutto aprendo la posta IMAP
  • mancano modelli utili e il lettore RSS non è molto flessibile

Con Outlook possiamo:

  • gestire account POP, IMAP, Exchange, MSN e Hotmail;
  • organizzare, etichettare e trovare facilmente i messaggi;
  • quasi dimenticarci della posta indesiderata;
  • utilizzare delle cartelle di ricerca automatiche;
  • cercare un messaggio in tutte le cartelle di tutti gli account facilmente;
  • crittografare (S/MIME) ed evitare l’inoltro (IRM) delle email;
  • non visualizzare le immagini delle mail, ma sono i testi;
  • vedere gli allegati in anteprima;
  • leggere gli RSS come messaggi di posta;
  • …e tanto altro ancora.

Un software che tenta in tutti i modi di salvaguardare la nostra privacy e la nostra sicurezza riuscendoci, eccetto qualche piccolo exploit, egregiamente.