Usare Gmail con Outlook

di Stefano Ferrario

scritto il

Forse Zimbra prenderà il posto di entrambi, ma per ora Outlook e Gmail sono sicuramente 2 tra i client di posta elettronica più usati al mondo.

Sicuramente il più usato continua ad essere quello di Microsoft, quindi perchè non utilizzarlo per rivere, dopo la posta di hotmail, anche quella di Gmail?

Per Gmail serve una connessione crittografata SSL (Secure Sockets Layer) quando si scaricano e si inviano le email. Viene utilizzata la porta 995 per il POP3 e la 465 per l’SMTP; per uniformare Outlook sono richieste delle modifiche all’account. In Gmail viene inoltre richiesta l’autenticazione sul server SMTP di Gmail.

Per far funzionare il tutto facciamo così:

  1. entriamo nell’account di Gmail per verificare se è attivo il POP3;
  2. nella pagina di Gmail, scegliere Impostazioni;
  3. fare clic sulla scheda Inoltro e POP;
  4. selezioniamo attiva POP per tutti i messaggi oppure Attiva la funzione POP solo per i messaggi che arrivano a partire da adesso;
  5. Salviamo le modifiche;
  6. In Outlook, clicchiamo su account di posta elettronica dal menu strumenti;
  7. Aggiungiamo un nuovo account di posta elettronica;
  8. inseriamo il nome e l’indirizzo di posta elettronica @gmail.com;
  9. come POP3, mettiamo pop.gmail.com;
  10. come SMTP mettiamo smtp.gmail.com;
  11. nome utente inseriamo l’indirizzo di posta elettronica gmail;
  12. Pasword e Memorizza password spuntato;
  13. clicchiamo ora su Altre impostazioni;
  14. in Account di posta, scriviamo Gmail;
  15. nella scheda Server della posta in uscita selezioniamo la casella di controllo Il server della posta in uscita (SMTP) richiede l’autenticazione;
  16. scegliamo Utilizza le stesse impostazioni del server della posta in arrivo;
  17. nelle Impostazioni avanzate mettiamo Il server richiede una connessione crittografata per entrambi e digitiamo 465 in SMTP e 995 in POP3;
  18. clicchiamo su OK e proviamo l’account.

Aggiungo anche che è possibile esportare i contatti di Outlook in un file CSV per poi importarli nell’account Gmail.