Tratto dallo speciale:

IV Conto Energia, le Regioni si prendono una settimana

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Si è riunita ieri la Conferenza Stato Regioni: queste ultime hanno chiesto un rinvio di una settimana per esprimersi sul decreto per gli incentivi alle rinnovabili: ancora troppe criticità.

Rimandata al 28 aprile – a soli due giorni dalla scadenza del Decreto Rinnovabili – la decisione della Conferenza Unificata sullo schema al dlgs che ridefinisce il sistema degli incentivi alle fonti rinnovabili. Ad annunciarlo, il presidente Vasco Errani: «abbiamo chiesto il rinvio di una settimana». Il motivo? Nel decreto «ci sono alcuni passi in avanti e per le Regioni ci sono alcune criticità».

Per il sottosegretario allo Sviluppo economico Stefano Saglia si tratta di un «provvedimento equilibrato che comunque garantisce gli incentivi più alti in Europa».

Per il presidente di Assosolare, Gianni Chianetta, la bozza presentata palesa la preferenza del Governo italiano a «fare gli interessi di un’oligarchia di poche grandi aziende piuttosto che quelli di una moltitudine di piccole, medie e grandi imprese e dei cittadini italiani».

L’assessore all’ambiente della Regione Umbria, Silvano Rometti ha affermato che «la proposta disattende quanto già evidenziato ed indicato dalle Regioni, tra cui l’Umbria, nel corso di precedenti incontri con i Ministri Fitto, Romani e Prestigiacomo. Si assiste infatti ad una riduzione troppo repentina degli incentivi che vengono progressivamente azzerati da qui il 2016».

In merito al passaggio dell’Italia al modello tedesco Rometti ritiene che sia necessario calibrarlo «con maggiore attenzione perché, rispetto ad altri paesi europei, l’Italia è partita con anni di ritardo e quindi occorre recuperare terreno in modo graduale. Il rischio che si corre è altrimenti di tornare indietro rispetto a quanto fatto finora. Va inoltre tenuto conto che il nuovo decreto cancella diritti e garanzie di quanti hanno avviato le procedure per la realizzazione degli impianti attraverso il Terzo Conto Energia, rientrando nei tagli del provvedimento».

_______________________

ARTICOLI CORRELATI

I Video di PMI

Finanziamenti energie rinnovabili e risparmio energetico