Tratto dallo speciale:

Quarto Conto Energia: la bozza alla Conferenza Unificata

di Noemi Ricci

scritto il

Quarto Conto Energia quasi definitivo: attesa per domani la presentazione ufficiale della bozza, che prevede riduzioni per i piccoli impianti dal 2012 e tetti decrescenti fino al 2012.

Quarto Conto Energia: atteso per domani il testo ufficiale del decreto, quando si riunirà la Conferenza unificata Stato e Regioni. Intanto, circola in Rete la bozza definitiva [Scarica il testo…]: confermato il tetto annuale / semestrale ai finanziamenti; il taglio degli incentivi parte da giugno e non dovrebbe riguardare i piccoli impianti per i primi due anni.

I cap – che non sarebbero necessari se si adottasse il modello tedesco – dovrebbero invece essere rigidi per impianti con potenza superiore ai 20kWp, sia su edificio che a terra.

Il limite dovrebbe essere di 447 milioni di euro per il 2011 e di 373 per il 2012. Dal 2013 al 2016 si scende gradualmente su base semestrale, si parte da 240 milioni e si arriva gli 86 milioni di euro per l’ultima parte del 2016.

Il tutto dovrebbe consentire al Governo di mantenere le spese pubbliche per la promozione dell’energia fotovoltaica al di sotto dei 6,0 miliardi di euro.

Intanto per domani Pmi e sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno convocato uno sciopero di tutti i lavoratori del settore per protestare contro i provvedimenti e ANIE/GIFI continua a chiedere l’eliminazione del tetto massimo, tutela per gli investimenti in atto, un IV Conto Energia sul modello tedesco, nessuna tariffa omnicomprensiva dal 2012 e ribadisce il “no” alle aste al ribasso per impianti di potenza superiore ai 5 MWp.

_________________________

ARTICOLI E DOCUMENTI CORRELATI