Tratto dallo speciale:

II Conto Energia fuori dal Milleproroghe: tariffe per impianti “tardivi”

di Noemi Ricci

scritto il

Scaduto a sopresa il 31 dicembre 2010 il termine per la richiesta degli incentivi in Conto Energia, il GSE spiega a a quali tariffe incentivanti fare riferimento (II o III Conto Energia).

Vita dura per aziende e operatori del Fotovoltaico: gli incentivi per la produzione di energia solare previsti dal DM 19 febbraio 2007 verranno riconosciuti solo a chi avrà portato a termine la costruzione dell’impianto e provveduto a darne comunicazione al GSE (completa di asseverazione del tecnico abilitato) entro il 31 dicembre 2010 e non il 31 gennaio 2011 come si era ipotizzato. Il decreto Milleproroghe non ha apportato infatti alcuna modifica alla normativa vigente in materia.

Dunque, rimane in vigore la vecchia procedura, come conferma lo stesso Gestore dei Servizi Energetici.

Pubblicato in G.U. ad appena 24 ore dalla scadenza, il Decreto ha spiazzato gli operatori, così il GSE ha messo a disposizione degli operatori due ulteriori canali di invio della documentazione, per permettere a tutti di riuscire ad essere in regola con l’adempimento: un indirizzo email ([email protected]) e uno postale a qui spedire quanto richiesto su supporto informatico mediante raccomandata.

Ricordiamo infine che saranno accettate solo le richieste di accesso corredate da documento d’identità del Soggetto Responsabile, scheda tecnica dell’impianto firmata da tecnico abilitato, asseverazione redatta e sottoscritta dal tecnico, progetto definitivo e fotografie dell’impianto, copia dei titoli autorizzativi, dichiarazione di proprietà relativa al sito d’installazione, richiesta di connessione elettrica.

Chi non sarà riuscito a rispettare la scadenza di fine 2010 non potrà pertanto usufruire delle tariffe del II Conto Energia, più vantaggiose rispetto alle nuove tariffe che entreranno in vigore a partire dall’anno in corso con il Terzo Conto Energia valido per il triennio 2011-2013.

I Video di PMI

Nuove imprese a tasso zero: finanziamenti per donne e giovani