Tratto dallo speciale:

Cessione pro soluto alle banche sui mancati pagamenti dalla PA

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Ritardo nei pagamenti dalla PA, da ora le imprese possono effettuare cessioni pro soluto alle banche: è il frutto dell'accordo tra ABI e Cdp.

Sono numerosissime le Pmi italiane che hanno problemi di accesso al credito o di liquidità, spesso causati dal ritardo nei pagamenti dalla PA: per ovviare al problema, le imprese che vantano crediti nei confronti della pubblica amministrazione possono effettuare la cessione pro-soluto alle banche.

È la novità introdotta dalla Cdp (Cassa depositi e prestiti) in risposta alle richieste delle imprese vessate dalla crisi economica e che non hanno mai ottenuto la auspicata direttiva che le tutelasse contro il ritardo nei pagamenti dalla PA.

Sul piatto ci sono 2 miliardi di euro, che permetteranno alle Pmi di riscuotere e monetizzare i crediti maturati.


Altri 8 miliardi di euro (per un plafond totale di 10 miliardi) sono destinati dalla Cdp per l’accesso al credito delle imprese, quindi finalizzato a concedere finanziamenti, anche sotto forma di leasing finanziario, per le Pmi che investono o hanno bisogno di liquidità per la propria attività.

Il preannunciato “Nuovo Plafond Pmi“, frutto dell’accordo tra Cdp e ABI è stato presentato ufficialmente a Roma in una conferenza stampa congiunta ed è un’iniziativa rivolta espressamente alle piccole e medie imprese, secondo la definizione dalla Commissione europea (2003/361/CE): aziende con meno di 250 addetti, con fatturato non superiore a 50 milioni di euro o totale di bilancio non superiore ai 43 milioni.