Rating Legalità imprese, nuove regole

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Ufficiale il nuovo regolamento AGCM per accedere al rating di legalità che garantisce una corsia preferenziale ai finanziamenti.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 213/2016 il nuovo regolamento attuativo in materia di rating di legalità rilasciato e approvato dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) con la delibera del 13 luglio 2016.

=> Rating legalità imprese: guida completa

Si tratta del punteggio, da una a tre stellette, che viene assegnato dall’AGCM alle società che lo richiedono, garantendo loro una corsia preferenziale nell’accesso ai finanziamenti, a patto che soddisfino determinati requisiti, tra i quali:

  • essere operative in Italia;
  • possedere un fatturato minimo di due milioni di euro nell’esercizio chiuso l’anno precedente alla richiesta di rating, riferito alla singola impresa o al gruppo di appartenenza e risultante da un bilancio regolarmente approvato dall’organo aziendale competente e pubblicato ai sensi di legge;
  • essere iscritte al Registro delle Imprese da almeno due anni.

=> Vai allo Speciale Accesso al Credito

Il rating viene attribuito sulla base delle dichiarazioni fornite dalle aziende stesse, successivamente verificate tramite controlli incrociati con i dati in possesso delle Pubbliche Amministrazioni interessate. Una volta assegnato, il rating di legalità ha durata di due anni dal rilascio ed è rinnovabile su richiesta.

Il nuovo regolamento si compone di nove articoli sulle seguenti disposizioni:

  • requisiti per l’attribuzione del rating;
  • valutazione dei requisiti;
  • procedimento per la valutazione dei requisiti;
  • durata, modifica, rinnovo, sospensione e revoca;
  • obblighi informativi;
  • elenco delle imprese con rating di legalità.

La domanda di rating va presentata per via telematica, utilizzando l’apposito Formulario pubblicato sul sito dell’AGCM, seguendo le istruzioni indicate.

 

I Video di PMI

Fondo di Garanzia per PMI