Sicurezza Sul Lavoro

La sicurezza sul lavoro in Italia è normata dal DLgs. 81/08 o Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro.

La legge stabilisce regole, procedure e misure preventive da adottare per rendere più sicuri i luoghi di lavoro, quali essi siano. L'obiettivo è quello di evitare o comunque ridurre al minimo l'esposizione dei lavoratori a rischi legati all'attività lavorativa per evitare infortuni o incidenti o, peggio, contrarre una malattia professionale.

La sicurezza sul lavoro è a carico del datore di lavoro, dipendenti o collaboratori che devono comunque adottare un comportamento consono alla struttura in cui si trovano o alla mansione loro affidata.

Il luogo di lavoro deve essere dotato di accorgimenti, strumenti e deve esistere un'attività di prevenzione adeguata ai possibili rischi in azienda precedentemente valutati con il DVR (Documento Valutazione Rischi).

Il complesso normativo della sicurezza sul lavoro è ampio, in pochi punti può essere riassunto in questo modo: il datore di lavoro deve provvedere a definire delle misure generali di tutela attraverso un'attenta e continuativa valutazione dei rischi, provvedere alla sorveglianza sanitaria e collaborare con RSPP (Responsabile del servizio di prevenzione e protezione) e RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza), ove presente.

Analisi normativa e guide pratiche per la conformità delle aziende rispetto gli adempimenti in tema di salute dei lavoratori e loro sicurezza nei luoghi di lavoro, tutto sul D. Lgs. 81/08 e relativi aggiornamenti e novità.

Sicurezza: incentivi alle imprese di Firenze

Sicurezza antirapina C’è tempo fino al 12 agosto 2016 per partecipare al bando promosso dalla Camera di Commercio di Firenze e diretto alle imprese che vogliono potenziare la sicurezza: grazie a risorse fino a 100mila euro, infatti, è possibile installare sistemi di sicurezza mirati a contrastare la criminalità. => Sicurezza, niente obbligo di vigilanza assoluta Spese ammesse Sono coperte dalle risorse stanziate dalla CdC le spese per l'installazione e l'adeguamento di sistemi di sicurezza e video-allarme antirapina, collegati direttamente con le sale e le centrali operative della Polizia di...

Bando ISI INAIL verso il click-day

Sicurezza sul lavoro Conto alla rovescia per il click-day per partecipare al Bando ISI e accedere ai finanziamenti INAIL: appuntamento il 26 maggio. La domanda si invia (ai sensi dell’art. 12, avviso pubblico quadro 2015), dalle 16:00 alle 16:30 tramite sito web INAIL (sportello informatico). In questa fase della procedura, le aziende inviano la domanda vera e propria accompagnata dal codice identificativo, attribuito mediante procedura di download. Tutte le istruzioni sono contenute nel documento “Regole tecniche e modalità di svolgimento”. => Incentivi imprese: il bando...

Sicurezza: incentivi alle imprese di Matera

Sicurezza La Camera di Commercio di Matera sostiene le imprese che si dotano di impianti di videosorveglianza promuovendo investimenti per migliorare la sicurezza in azienda. => Risorse per il microcredito in Basilicata Contributi La CdC concede contributi economici alle Piccole e Medie Imprese del territorio, erogano incentivi volti a coprire fino al 30% dell’investimento sostenuto ed erogando fino a 300 euro. Sono ammissibili i costi legati alla progettazione, i costi hardware, le spese per acquisto e installazione di software specifici. Domande Le domande per accedere al bando...

Sicurezza lavoro, formazione a Perugia

Sicurezza sul lavoro La Camera di Commercio di Perugia partecipa, insieme alla Camera di Commercio di Vibo Valentia e all’Università della Calabria, al lancio di due progetti mirati a realizzare percorsi di formazione gratuita in tema di salute e sicurezza sul lavoro nelle PMI, in particolare nelle imprese attive nel comparto delle costruzioni, dell’agricoltura, della pesca e della silvicoltura. => Sicurezza lavoro: formazione sempre e comunque Progetti I progetti dedicati alle PMI riguardano: organizzazione, realizzazione e gestione di un sistema aziendale, finalizzato alla prevenzione...

Incentivi imprese: aperto il bando INAIL

Sicurezza sul lavoro Sono aperte le adesioni 2016 al nuovo bando ISI, con cui l'INAIL concede incentivi alle imprese che investono nella sicurezza sul lavoro. Si tratta della sesta tranche di contributi a fondo perduto, concessi a partire dal 2010 per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Tra le novità 2016, il finanziamento della bonifica da materiali contenenti amianto. => Sicurezza sul lavoro: normativa e incentivi Beneficiari Possono accedere al bando ISI INAIL le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale e iscritte alla...

Autoliquidazione Premi INAIL 2015/2016 al via

Sicurezza sul lavoro Si avvicina la scadenza per l'autoliquidazione INAIL 2015/2016, versamento deve essere effettuato, come ogni anno, entro il 16 febbraio da parte dei datori di lavoro soggetti all’assicurazione obbligatoria contro infortuni e malattie professionali, anche per gli artigiani senza dipendenti. Sono esclusi dall'autoliquidazione, invece, gli altri “premi speciali unitari” (alunni/studenti, rx e sostanze radioattive, frantoi, pescatori, facchini, ippotrasportatori e vetturini). => Autoliquidazione INAIL: i servizi online Calcolo del premio INAIL Attraverso i servizi telematici...

Autoliquidazione INAIL: riduzione 2016 e servizi online

Sicurezza sul lavoro Con la Circolare n.87/2015 l'INAIL fornisce chiarimenti in merito al Decreto 30 settembre 2015 con il quale è stata stabilita la riduzione dei premi e contributi per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali ai sensi dell’art. 1, comma 128, legge 147/2013. => INAIL: come cambiano gli sconti alle imprese dal 2016 Autoliquidazione riduzione 2016 Si tratta del Decreto direttoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, emanato di concerto con il Ministero dell'Economia e delle Finanze, che ha approvato la determina INAIL n. 283 del 27...

Infortuni sul lavoro: nuovi servizi sanitari in Sardegna

Sicurezza sul lavoro Inail e Regione Sardegna hanno recentemente siglato un accordo per potenziare i servizi concessi ai lavoratori che hanno subito infortuni o sono affetti da malattie professionali. Un’intesa che consente di individuare sul territorio strutture pubbliche o private accreditate col Servizio sanitario, con cui attivare convenzioni per l’erogazione di prestazioni integrative a favore dei lavoratori infortunati e tecnopatici. => Sicurezza sul Lavoro: procedure INAIL penalizzanti? «La firma del protocollo con la Regione Sardegna - ha affermato il presidente dell’Inail, Massimo De...

Sicurezza sul Lavoro: procedure INAIL penalizzanti?

Sicurezza sul Lavoro Nei giorni scorsi la CNA ha lanciato una precisa critica all'INAIL: le continue modifiche alle procedure INAIL penalizzano le PMI. Ora l'Istituto risponde rivendicando in una nota le sue misure per la prevenzione destinate delle aziende di minori dimensioni, a partire dai bandi ISI, che sono "modulati sul target delle imprese di piccole dimensioni". => Sicurezza sul lavoro: normativa e incentivi Critiche CNA Secondo la CNA negli anni le piccole e medie imprese hanno dovuto impegnarsi molto per adeguarsi ad una normativa molto complessa come quella della salute e sicurezza sul...

Vittime amianto: sussidio INAIL una tantum

INAIL Partono le procedure INAIL per il sussidio riservato alle vittime dell'amianto, in attuazione del comma 116 della Legge 190/2014 (Stabilità). Ai malati di mesotelioma che abbiano contratto la patologia o per l'esposizione familiare a lavoratori impiegati nella lavorazione dell'amianto oppure per l'esposizione ambientale comprovata, spetta un assegno di 5.600 euro una tantum: il bonus è reso attuativo dal decreto interministeriale del Lavoro e dell'Economia del 4 settembre 2015. Il sussidio non è automatico: bisogna farne espressa richiesta, tuttavia l'INAIL deve ancora...

X
Se vuoi aggiornamenti su Sicurezza sul Lavoro

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy