Microsoft si allea con Sun e sfida Google

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Microsoft sigla partnership con Sun: il nuovo accordo confermano le intenzioni "bellicose" nei confronti del rivale Google, sia sul campo del Mobile che della Ricerca online

È scontro tra titani quello che tra Microsoft e Google: dopo l’aperta sfida sul versante del Mobile, le dichiarazioni su Android e il tentativo di rilanciare le offerte di Google sull’accordo strategico con Verizon Wireless. si delinea la seconda arena competitiva, quella delle ricerche online.

La società di Redmond sta infatti sfidando Google anche sul territorio in cui regna incontrastato: la ricerca web. Parliamo dell’annuncio, inaspettato, dell’alleanza tra Microsoft e Sun per promuovere Live Search.

L’accordo prevede che ogni qualvolta uno degli 800 milioni di Pc (91% di quelli connessi in Rete) su cui è istallata la tecnologia Java di Sun scarichi un aggiornamento (con una media mensile di circa 10 milioni di utenti), gli venga proposta la toolbar di ricerca Msn di Microsoft.

La società di Redmond aveva già preso accordi con HP per pre-installare il proprio search-engine nei nuovi Pc. E ancora è da scoprire cosa accadrà tra Microsoft e Google sulla faccenda Yahoo!.

Certo, il terreno ora è minato. L’alleanza commerciale con la joint venture tra Verizon Communications e Vodafone, a cui la rivale di Mountain View sta lavorando da mesi, fa gola ad entrambe perché avere il proprio motore di ricerca e relativa pubblicità sui telefonini è il primo passo verso il predominio dei servizi Internet mobili.

Sempre sul fronte mobile si colloca il recente accordo tra Microsoft e LG Electronics sulle tecnologie e i servizi per i device convergenti. Da notare che LG fa già parte del consorzio Open Handset Alliance che con molta probabilità lancerà nel 2009 il suo smartphone dotato di Google Android. Insomma, uno scenario complesso in cui gli interessi si intrecciano a doppio nodo.

Microsoft, tra l’altro, non ci è andata leggera nel dichiararsi convinta della superiorità di Windows Mobile su Android e soprattutto in tema di modelli di business che garantiscano un adeguato ritorno economico per lo sforzo sostenuto nello sviluppo.

Insomma, la battaglia si preannuncia lunga ed agguerrita, staremo a vedere!